Alla Galleria ARTissima di Silvia Prelz le “Noctuae” di Emanuele Convento

EMANUELE CONVENTO “Noctuae”
Mostra personale, curata da Piero Patrone
19 Ottobre – 09 Novembre 2013

Vernissage Sabato 19 Ottobre 2013 ore 18,00

Alla Galleria ARTissima di Silvia Prelz le “Noctuae” di Emanuele Convento

Dal 19 Ottobre al 9 Novembre 2013, alla Galleria ARTissima di Silvia Prelz ad Abano Terme, personale dell’artista veneziano Emanuele Convento. Vernissage sabato 19 ottobre alle 18.00 con la performance “The Owl’s Cry” di Louis Thomas Lyons con il Soprano Lieta Naccari.

A partire da sabato 19 ottobre fino a sabato 9 novembre la Galleria Artissima di Silvia Prelz dedica una personale all’artista Emanuele Convento con 40 opere inedite tra oli, tempere su tela e su tavola, inchiostri, tecniche miste su carta, incisioni e monotipi, disegni e acquerelli.

Tema conduttore dell’esposizione “Noctuae”, che sarà inaugurata sabato 19 ottobre alle 18.00, è la civetta, animale notturno legato, anche attraverso il suo nome scientifico Athene noctua, alla simbologia della Sapienza di cui la dea Atena era la protettrice. «Punto di partenza della ricerca artistica di Emanuele Convento – sottolinea Piero Patrone, curatore della mostraè stata la similitudine tra questo rapace notturno e l’artista, che, simile a questa, vede dove gli altri non vedono» Come la civetta vede nell’oscurità così l’artista vede con chiarezza precise realtà, talvolta celate ma di vitale importanza come l’Essere, per «approdare in una dimensione archetipica, essenziale ed esistenziale».

L’espressione artistica di Convento è orientata, come lui stesso afferma, a «cogliere le strutture e lo scheletro delle cose». Filosofia a cui Convento rimane fedele attraverso il suo fare artistico che smaterializza la forma, in modo più o meno spinto, in cromatismi tendenti al monocromo illuminati però da guizzi di colore improvvisi, contrastanti ma, quasi in un ossimoro coloristico, armonici tra loro.

In occasione del vernissage, cui sarà presente l’artista, sarà possibile assistere alla performance “The Owl’s Cry” (Il pianto della civetta) del musicista e compositore Louis Thomas Lyons, Lieder ispirato alla tradizione classica e moderna avente come tema la civetta notturna. Le musiche saranno eseguite dall’autore stesso alla chitarra classica che accompagnerà la soprano veneziana Lieta Naccari.

Ingresso libero negli orari della galleria (martedì-domenica, 10-13 16-20)

Galleria ARTissima di Silvia Prelz,
Via A. Vespucci 19,
35031 Abano Terme (PD),
tel. +39 347 6936594.
info@artissimacontemporanea.it

www.artissimacontemporanea.it

http://www.facebook.com/artissimacontemporanea

BIOGRAFIE

EMANUELE CONVENTO. Nato a Dolo (VE) nel 1977, Emaunele Convento, artista multimediale ed eclettico, opera nel campo della pittura, della scultura, dell’incisione e delle performance multimediali. Dopo numerose importanti personali e collettive (2000 Diade in mostra, TRE stanze, Fotototo, Primo premio Beni Culturali Online), nel 2003 è stato uno dei fondatori del GRUPPO PROXIMA con Shozo Shimamoto (gruppo GUTAI giapponese). Da questo storico maestro giapponese ha approfondito il concetto della pittura informale e gestuale e l’arte delle performances. Successivamente ha partecipato a importanti mostre e progetti a CA’ PESARO Venezia (Dal Gutai al Proxima, 2004),Trevi Flash Art, Biennale di Venezia 2003, Biennale Architettura 2006, PPP3 Evento Collaterale –Biennale Internazionale d’Arte 2007. Dal 2007 collabora con la Galleria Blanchaert di Milano, dalla quale è invitato alla Fiera di Parma MAI DIRE MAO e nella quale ha presentato due importanti mostre personali, di cui una curata da Philippe Daverio. Nel 2010 ha presentato una mostra personale presso la Galleria SUBSPACE a Padova. Le sue incisioni sono presenti presso il Gabinetto Nazionale delle Stampe di Bagnacavallo (RA), presso il Museo Tipografico Grifani di Città di Castello (PG) e presso il Museo Civico di Bassano del Grappa. Lo scorso anno ha esposto a Venezia con il progetto italo-tedesco “CON DELICATO PIACERE DEI SENSI” presso Palazzo Albrizzi, Istituto italo-tedesco, 5 maggio – 5 giugno in occasione dei Cento Anni della pubblicazione di MORTE A VENEZIA, evento promosso dal Consolato della Germania di Milano, presentazione del Prof. Stefano Annibaletto. Di recente è stato invitato ad ARTEFIERA Bologna “SET-UP” 2013, presentato dalla Galleria ARTissima di Abano Terme (PD). Artista finalista e presente alla “Biennale d’incisione contemporanea 2013” Bassano del Grappa 25 aprile-12 luglio, Museo Civico di Bassano e Palazzo Sturm-Museo Raimondini.

PIERO PATRONE. Laureato in Lettere all’ l’Università degli Studi di Padova con il prof. Adriano Mariuz con una tesi sulla decorazione pittorica seicentesca nei palazzi di Padova, Piero Patrone, ha collaborato con la Provincia di Padova, quale autore dei testi di una Guida divulgativa sui Musei di proprietà Provinciale intitolata “Lo scrigno delle meraviglie”. Ha scritto “Il fregio a Padova – Tre esempi seicenteschi di un’antica tipologia decorativa” per il “Bollettino del Museo Civico di Padova” annata XCII (2003), riguardante tre proposte attributive su alcuni affreschi di un palazzo padovano. E’ autore di “Considerazioni su un ciclo di affreschi in palazzo Abriani a Padova” per la raccolta “Il cielo, o qualcosa di più – scritti per Adriano Mariuz”. Ha collaborato con l’Università degli Studi di Padova per la stesura di un libro sulla decorazione nei palazzi padovani durante i secoli XVII e XVIII. Vicepresidente dell’Associazione culturale padovana Castello Carrarese, dal 2001 partecipa all’iniziativa del Comune di Padova Notturni d’Arte come autore di schede e per visite guidate. Tra le altre cose ha collaborato con il FAI per le Visite guidate per le GIORNATE FAI DI PRIMAVERA e per la preparazione alle visite degli “apprendisti ciceroni”. Tiene conferenze su argomenti storico – artistici e svolge attività di guida.

Louis Thomas Lyons nasce negli Stati Uniti nel 1971. Dopo gli studi di chitarra classica passa alla chitarra elettrica influenzato soprattutto da Jimi Hendrix. Suona in trio al Panic Jazz club di Marostica e a Villa Cita di Montecchio Precalcino. Nel 2004 viene chiamato a far parte del gruppo Proxima con Shozo Shimamoto, fondatore del movimento Gutai in Giappone. Partecipa alla 50esima edizione della Biennale di Venezia, al Simposio “Crossing Borders” in Polonia e alla 30ma Esposizione AU in Giappone. Esegue nello stesso periodo composizioni originali al Teatro dei Leoni di Mira. Ha all’attivo due album “Informal Duets” e “Electric Choral Trilogy” e ha composto le musiche per il film documentario “Il Mestiere Che Faremo” presentato alla X edizione dell’Euganea Film Festival (2011). Nel 2012 esegue un ciclo di Lieder originali “Le Mahleriane” con la soprano russa Mahabbat Mukhamejanova alla Funzione Arte Neno Moretti di Treviso e un Piano Trio con la soprano Giulia Semenzato sulle Odi di John Keats alla Brintaal Celtic Folk Festival di Valstagna.

Lieta Naccari nasce a Venezia nel 1989 e già da piccolissima si avvicina al mondo del teatro studiando con Caterina Peschiera e della danza con Edda Marcialis esibendosi in alcuni teatri del territorio veneziano e in Emilia Romagna. Dopo aver iniziato a studiare Pianoforte sotto la guida del M° Ezio Mabilia e successivamente con la M°Daniela Donaudi, decide di intraprendere lo studio del Canto Lirico al Conservatorio “Benedetto Marcello” di Venezia nella classe del M° Stefano Gibellato. Le sue esperienze la vedono nel ruolo di una pensionante nell’opera “I due timidi” di Nino Rota andata in scena al Teatro Malibran di Venezia nell’aprile 2011 e come solista del dipartimento di Musica Antica del Conservatorio Benedetto Marcello nel concerto dei “Vespri Veneziani” nella Chiesa di San Giovanni Evangelista di Venezia diretto dal M° Contadin. Anche negli anni passati ha avuto modo di cimentarsi in concerti come solista o corista nelle piu’ importanti chiese veneziane ed è per il concerto in onore delle celebrazioni per il 150º anniversario dell’Unità d’Italia che si esibisce ne i “Folk Songs” di Luciano Berio, con grandissimo consenso da parte del pubblico, in Sala Concerti di Palazzo Pisani a Venezia il 17 marzo 2011. Il 16 aprile 2011 si è esibita per Nuria Schoenber (figlia del famoso compositore e moglie del defunto Luigi Nono) in un concerto celebrativo eseguendo, per la prima volta in Europa da una classe di coro di un conservatorio, il celebre “Das atmende klarsein” di Luigi Nono. Il 3 dicembre 2011 ha partecipato come solista alla Cantata di Igor Stravinsky del 1952, un’ intensa composizione per soprano, tenore, strumenti e coro femminile, nella splendida cornice della Sala Concerti del Conservatorio di musica “Benedetto Marcello”. Il 28 giugno 2012 si è diplomata brillantemente al Conservatorio di Venezia e durante l’anno ha inoltre partecipato alla rappresentazione dell’opera Le Sette Canzoni di Malipiero, dall’Orfeide, andato in scena al Teatro Malibran con la regia di Francesco Bellotto e la direzione musicale di Mirko Schipilliti e Maurizio Dini Ciacci. Nel 2013 è stata scelta come allieva all’interno del progetto di alto perfezionamento in canto lirico “Opera Studio” dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, avendo così la grandissima opportunità di perfezionarsi con Renata Scotto e altri esponenti del mondo musicale e teatrale (tra i quali anche Anna Vandi e Cesare Scarton) all’interno dell’Auditorium Parco Della Musica di Roma.