Celebrando Verdi al Santuario della Madonna Pellegrina.

54esimo ciclo dei Concerti di Ottobre 2013
organizzato dal Centro Organistico Padovano
Santuario della Madonna Pellegrina
4-11-18-25 ottobre 2013

 

Venerdì 11 ottobre 2013, ore 21
Santuario della Madonna Pellegrina
(via d’Acquapendente 60 – Padova)

Silvio Celeghin, organo
Federica Iannella, organo

Concerto d’organo a 4 mani

Musiche di Provesi, Lavigna, Morandi, Rossini ed un omaggio a Giuseppe Verdi nel bicentenario della nascita.

Ingresso Libero

Per informazioni:
Centro Organistico Padovano: 049 685716

 

Concerto d’organo a quattro mani intorno a Verdi e Rossini, con il duo Celeghin-Iannella al Santuario della Madonna Pellegrina.
Secondo appuntamento con due organisti, venerdì 11 Ottobre 2013 alle 21.00, per il 54esimo ciclo di concerti di ottobre al Santuario della Madonna Pellegrina di Padova.

Comunicato stampa

Al via il 54esimo Ciclo di concerti di Ottobre 2013, venerdì alle ore 21.00, al Santuario della Madonna Pellegrina di Padova (via d’Acquapendente 60).

La rassegna è organizzata dal Centro Organistico Padovano con il patrocinio del Comune di Padova.

Il C.O.P. Centro Organistico Padovanocon sede in Padova (via F. d’Acquapendente n.60) è un’associazione senza scopo di lucro e si prefigge di organizzare annualmente due cicli di concerti, ad ingresso libero, di musiche, prevalentemente d’organo, presso il Santuario della Madonna Pellegrina. L’iscrizione al Centro è aperta a chiunque intenda appoggiare l’iniziativa come socio ordinario o sostenitore. Si effettua presso la segreteria del Santuario.

Federica Iannella, organista

L’organo “si raddoppia” con Silvio Celeghin e Federica Iannella, nell’appuntamento di venerdì 11 ottobre, ore 21. Il programma dal titolo Concerto d’organo a 4 mani propone musiche di Provesi, Lavigna, Morandi, Rossini ed un omaggio a Giuseppe Verdi nel bicentenario della nascita.

Federica Iannella, organista ”attenta e precisa, molto determinata e con un notevole temperamento”, titolare presso la Chiesa Santa Maria della Neve di Senigallia, e direttrice Artistica del Festival Organistico Internazionale “Città di Senigallia”, darà inizio al concerto con l’allegro dalla Sinfonia in Do maggiore e l’Adagio per la voce umana di Ferdinando Provesi (1770-1833), compositore parmense che fu maestro di musica di Giuseppe Verdi.

Sempre di Provesi, l’Allegro dalla Sonata in re maggiore e l’Adagio per la viola e la flutta, suonate da Silvio Celeghin, organista di fama internazionale, docente al Conservatorio “B. Marcello” di Venezia, vincitore del terzo premio al concorso internazionale “J.J.Froberger” di Kaltern (Bz) nel 1995, si è esibito con prestigiose orchestre italiane, come Milano Classica, l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino e l’Orchestra del TeatroLa Fenice, ed ha collaborato con direttori famosi tra cui Riccardo Muti, Marcello Viotti e Claudio Scimone.

Ancora un compositore legato a Giuseppe Verdi, Vincenzo Lavigna (1776-1836), che fu allievo di Paisiello ed insegnante di un giovane Verdi, rifiutato dal conservatorio di Milano, con la Fuga in Do maggiore (Largo-Allegro) e la Fuga in Re minore (Andante-Andante) eseguiti da Federica Iannella, e a seguire la Fuga in sol maggiore (Andante-Allegro) e la Fuga in Do maggiore (Largo-Allegro) nell’interpretazione di Silvio Celeghin.

L'organista Silvio Celeghin, organo

La Pastorale in Do (Andantino-Allegro vivace) di Giovanni Morandi (1777-1856), organista e compositore italiano che rappresenta il culmine della musica per organo all’italiana del XIX secolo, unirà i talenti di Federica Iannella e Silvio Celeghin in un duo a quattro mani.

Dalle imitazioni all’organo dei grandi operisti italiani (Rossini, Bellini, Donizetti e, fra gli stranieri, Mozart) di Morandi si passa ad una Petite Fanfare a quattro mani di Gioachino Rossini (1792-1868), scoperto ed aiutato nella sua carriera dallo stesso Morandi.

Termina il concerto con un omaggio a Giuseppe Verdi (1813-1901) in occasione del bicentenario della nascita. Verranno presentati alcuni brani tratti dal nuovo cd a 4 mani del duo Iannella-Celeghin pubblicato dalla Tactus: le trascrizioni per organo dell’Overture e del coro del III atto Va’ Pensiero dal Nabucco (1842), e, omaggio al luogo sacro, l’inno religioso La vergine degli angeli in sol maggiore che chiude il finale dell’atto II de La forza del destino (1862).

Continuano gli appuntamenti con i Concerti di Ottobre al Santuario della Madonna Pellegrina, venerdì 18 ottobre, ore 21, con il quartetto “Euphonia” composto dal soprano Paola Marzolla, Alberto Tecchiati al flauto traverso, Elio Andriotto al violoncello accompagnati all’organo dal M. Aldo Fiorentin, in un viaggio musicale tra Bach, Haendel, Mozart e Vivaldi.

L’ingresso a tutti i concerti è libero e gratuito.

Per informazioni:
Centro Organistico Padovano: 049 685716
www.madonnapellegrina.it

Curricula

Federica Iannella, è nata e vive a Senigallia, dove dal 2002 è Organista titolare presso la Chiesa Santa Maria della Neve.
Ha svolto i suoi studi musicali presso i Conservatori “G. Rossini” di Pesaro, diplomandosi in Organo e Composizione Organistica, ”A. Pedrollo” di Vicenza, laureandosi cum laude in Discipline Musicali (indirizzo Interpretativo Organistico) sotto la guida del M° Roberto Antonello. Ha partecipato a numerosi corsi di specializzazione, studiando una vasta letteratura organistica dal rinascimento italiano al romanticismo francese e tedesco. Di grande importanza formativa sono state le lezioni apprese  dal M° W. Zerer ad Amburgo.
Svolge un’intensa attività concertistica esibendosi in prestigiosi festival italiani e stranieri, Germania, Francia, Belgio, Austria, Svizzera, Repubblica Ceca, Spagna, Città del Messico, Stati Uniti e Russia.
Ha inciso Cd come solista, a Quattro mani e in formazioni orchestrali, ottenendo riconoscimenti e premi della critica, tra cui le Sinfonie per organo a quattro mani di Gioachino Rossini (Tactus 2009), che si è aggiudicato le cinque stelle della rivista “Musica” settembre 2009, ottenendo il primo posto della classifica classica/strumentale al XXX premio della critica promosso da M&D.
Le sue esecuzioni sono state definite “musicali, ricche di temperamento e di vivacità espressiva con talento per l’arte della registrazione”.
Alla formazione organistica affianca quella musicologica: laureata in Musicologia  col massimo dei voti presso l’Università di Bologna, ha curato trascrizioni in chiave moderna ed edizioni critiche di Opere liriche e strumentali.
Membro di giuria in concorsi organistici, ha tenuto conferenze a carattere storico – musicologico ed è direttore artistico del Festival Internazionale Organistico città di Senigallia (www.organsenigallia.com), per la valorizzazione del patrimonio organario ed organistico della Diocesi di Senigallia.  Dal 2008 è docente di Organo e Composizione Organistica presso il Conservatorio “F. Cilea” di Reggio Calabria.

Silvio Celeghin, è da sempre impegnato in attività liturgica come organista, inizia a 11 anni a collaborare all’organo presso la chiesa della sua città, Noale (Venezia). Dopo i Magisteri in Pianoforte (Marialuisa Caprara -1985) Organo (Renzo Buja -1990) e Clavicembalo (Lia Levi Minzi – 1997) ottenuti col massimo dei voti presso i Conservatori di Padova e Castelfranco Veneto, si perfeziona con vari docenti:  Virginio Pavarana per il Pianoforte e  Francesco Finotti per l’Organo. Partecipa a corsi di interpretazione organistica con Jean Guillou (Zurigo), Luigi Ferdinando Tagliavini (San Petronio a Bologna), Olivier Latry (San Sebastian).  Viene premiato in vari Concorsi Internazionali e Nazionali ottenendo il III° Premio Assoluto all’ Internationaler Orgelwettbewerb “J.J.Froberger” di Kaltern (Bz) nel 1995.
Dal 1990 suona stabilmente in Duo col trombettista Fabiano Maniero, prima tromba del Teatro “La Fenice” di Venezia; dal 2000 fa parte del Trio “Dolce Sentire”, col quale ha inciso vari Cd di successo; collabora regolarmente dal 1999 come organista solista e continuista de “I Solisti Veneti” di Claudio Scimone, con i quali ha inciso musiche di scuola veneta in vari Cd e DVD. La sua esperienza lo ha portato a suonare  anche con importanti formazioni tra le quali l’Orchestra di Padova e del Veneto, Maggio Musicale Fiorentino, Milano Classica,La Fenicedi Venezia, Simon Bolivàr di Caracas. Nel 2003 è stato invitato con l’Orchestra de “La Fenice” all’inaugurazione del rinnovato Teatro veneziano, per i concerti diretti da Riccardo Muti e Marcello Viotti. E’ organista principale della “Schola S. Rocco” di Vicenza diretta da Francesco Erle.
Ha inciso per Tring, Velut Luna, Artis Records, Warner Fonit, Azzurra Music, Bottega Discantica, Nalesso Records, RAI Trade, Stradivarius. Tra le ultime produzioni il Cd  Vivaldi & Venice, con i concerti di Vivaldi adattati all’organo. Ha registrato in prima mondiale l’opera omnia per organo di Wolfango Dalla Vecchia. Nell’aprile2003 hadebuttato in veste di solista con il “Doppio Borgato”, pianoforte da concerto gran coda con pedaliera. Esce nel 2005 “Il Duello”, inciso a due organi (G.B. Piaggia e G. Callido) pressola Basilicadei Frari a Venezia. Nel 2007 è stato uno degli otto organisti internazionali della prima mondiale de “La Révoltedes Orgues” di Jean Guillou.  Nel 2010 è il primo organista italiano invitato  in Venezuela dal M° Abreu per una tournèe solistica e con l’Orchestra Sinfonica “Simon Bolivar”, al nuovo organo “Klais” di Caracas.  Nel 2013 esce il CD “Vivaldi – Concerto a due organi” per l’etichetta Stradivarius, distribuito dalla prestigiosa rivista Amadeus. E’ coordinatore artistico dell’Ass.ne Culturale Marzo Organistico” (www.marzorg.org) di Noale (Ve) e organista titolare pressola Chiesa Arcipretaledi Trebaseleghe (Pd), dove coordina da diversi anni due stagioni musicali di musica sacra ed organistica.
Si è esibito in importanti sedi italiane  (La Scalaa Milano, Vaticano, Basilica di S. Marco e “La Fenice” a Venezia, Basilica di Assisi) ed è spesso ospite di prestigiosi Festival internazionali in Francia (Notre-Dame e St.Eustache a Parigi), Inghilterra (Trinity College a Londra), Svizzera, Polonia (Cattedrale di Varsavia), Austria, Bulgaria, Croazia, Turchia, Svezia, Belgio, Spagna, Ungheria, Messico (Cattedrale Metropolitana), Finlandia, Germania (Berliner Philarmoniker, Francoforte), Russia, Venezuela (Sala Simon Bolivar – Caracas). www.silvioceleghin.it
E’ docente al Conservatorio “B. Marcello” di Venezia (www.conseve.net).