“Orizzonti” e “Venezia classici” al Multisala Cinergia di Rovigo

“Orizzonti” e “Venezia classici”.
Dalla Mostra del Cinema di Venezia al Multisala Cinergia di Rovigo.

Giovedì 24 ottobre al Multisala Cinergia di Rovigo doppio appuntamento con la 9° edizione de “Le Giornate della Mostra. Orizzonti e Venezia Classici”. In programmazione “La vida después” di David Pablos e Sjecaš li se Dolly Bell (Ti ricordi di Dolly Bell?)” di Emir Kusturica.

Giovedì 24 ottobre primo appuntamento a Rovigo con la 9° edizione de “Le Giornate della Mostra. Orizzonti e Venezia Classici”, rassegna organizzata dalla Regione del Veneto, in partnership con Fondazione La Biennale di VeneziaFederazione Italiana Cinema d’Essai (FICE) delle Tre Venezie, Associazione Generale Italiana dello Spettacolo (AGIS) delle Tre Venezie, e la collaborazione con Fondazione Cineteca di Bologna e Cineteca Nazionale di Roma.

Il pubblico rodigino degli appassionati di cinema, potrà godere della bellezza e la qualità indiscussa dei film proiettati alla 70. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia nelle sezione“Orizzonti”, testimonianza delle tendenze estetiche ed espressive più innovative del cinema contemporaneo e “Venezia Classici” sezione che, grazie al restauro di vecchie pellicole, consente di riportare alla luce capolavori della produzione italiana e internazionale e rivalutare l’esperienza di importanti maestri del cinema.

«Orizzonti e Venezia Classici – sottolinea Filippo Nalon, Presidente Fice Tre Venezie-  rappresentano da un lato uno sguardo sui nuovi linguaggi cinematografici che a livello mondiale stanno emergendo e che la Biennale di Venezia presenta nell’ambito della Mostra d’Arte Cinematografica e, dall’altro, una “Retrospettiva” sui film considerati appunto Classici della “Storia del Cinema”. Accostare Passato e Presente (digitale e pellicola), risulta quindi particolarmente interessante e stimolante».

Le proiezioni al Multisala Cinergia iniziano alle 20.00 con “La vida después” (Messico, 2013,  90′) di David Pablos. Rodrigo e Samuel sono fratelli, divisi da una manciata d’anni e dal carattere. Tanto il primo (il più grande) è aggressivo quanto il secondo è più pacato e riflessivo. Quando la loro madre –da sempre instabile mentalmente– scompare lasciando come unica traccia un misterioso biglietto d’addio, inizia per loro un viaggio che li porterà ad attraversare il Messico fino al deserto di Sonora, luogo terribile e iniziatico per antonomasia. La ricerca di Rodrigo e Samuel sarà infatti anche un intenso e doloroso superamento della linea d’ombra, nel corso del quale le diverse indoli dei fratelli faranno in tempo a riconoscersi e scontrarsi nell’eterna lotta che promette la salvezza al prezzo di recidere il legame con le persone amate.

Ambientato negli anni Sessanta a Sarajevo è “Sjecaš li se Dolly Bell (Ti ricordi di Dolly Bell?)” (Bosnia ed Erzegovina 1981 110′) di Emir Kusturica, in programma alle 22.00. Una Casa del Popolo decide, per allontanare i giovani dal mondo della criminalità, di istituire una banda musicale. Uno dei componenti è Dino, un ragazzo introverso appassionato di ipnosi. Quando Dino non passa il tempo in piccionaia a esercitarsi nell’ipnosi sta in compagnia del suo gruppo di amici, con i quali consuma assaggi di musica e cinema provenienti dal “mondo esterno”. Un vero tormentone è Ventiquattromila baci di Celentano mentre in una scena di Europa di notte di Alessandro Blasetti compare una spogliarellista di nome Dolly Bell.

Tutte le proiezioni sono in lingua originale sottotitolate in italiano e saranno presentate in sala da studiosi e docenti universitari di cinema.

L’ingresso ai film della sezione “Orizzonti” è di 3 euro; i film della sezione “Venezia Classici” sono ad ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento posti.

La rassegna “Le Giornate della Mostra. Orizzonti e Venezia Classici” si inserisce nell’ambito di un più articolato programma di iniziative di promozione della cultura cinematografica. Con “Il Cinema Visibile, la Regione del Veneto per il Cinema di Qualità”, la Regione, nelle parole dell’On. Marino Zorzato, Vice Presidente e Assessore alla Cultura della Regione del Veneto, «intende continuare, sulla scorta dei positivi risultati degli anni precedenti,  il suo impegno anche per promuovere le sale cinematografiche del circuito regionale come luoghi di cultura. In questo senso la proficua collaborazione fra Regione del Veneto, Biennale e Fice, giunta al suo quarto anno, si pone come importante occasione per divulgare il cinema d’autore e per valorizzare le sale d’essai del nostro territorio».

Per informazioni
Fice Tre Venezie

Tel. 049 8750851
fice3ve@agistriveneto.it
www.spettacoloveneto.it