Maurizio Camardi tra i vincitori del Premio Festival Città Impresa

Il sassofonista e compositore Maurizio Camardi, fondatore della nota scuola di musica padovana “G. Gershwin” è stato insignito mercoledì 2 maggio alla Fiera di Vicenza del Premio Festival Città Impresa, “per il contributo portato, attraverso la sua attività creativa, allo sviluppo economico, sociale e culturale” del Nordest e dell’Italia.

L’assegnazione dei premi, che ha visto la presenza del ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera, apre la quinta edizione del Festival Città Impresa (dal 2 al 6 maggio 2012 in 35 località del Nordest), manifestazione ideata nel 2008 dalla rivista mensile Nordesteuropa.it, che quest’anno ha come tema “Le fabbriche delle idee. Cultura, innovazione e sostenibilità per la competitività dei territori e delle imprese”. Cinque giorni di dibattiti, incontri, eventi di carattere economico, culturale e artistico, per confrontarsi sugli scenari possibili, su forme e modelli produttivi innovativi, sui contesti metropolitani che favoriscono reti e classi creative. ll Festival si propone di dare evidenza alle eccellenze – città, aziende, persone – che stanno già costruendo il futuro dell’Italia. E di proseguire la riflessione sulla candidatura di Venezia con il Nordest a “Capitale Europea della Cultura 2019”.

Il Premio Festival Città Impresa, riconoscimento dal grande valore simbolico, è stato assegnato ai “1.000 fabbricatori di idee e sviluppo del Nordest” che si sono distinti per il loro contributo nel profit e nel non profit: imprenditori, giovani, lavoratori e amministratori pubblici che hanno contribuito ogni giorno con il loro lavoro, idee e passione a far crescere il territorio del Nordest, e, con esso, l’intero Paese.

Maurizio Camardi è un esponente del jazz veneto da una ventina d’anni e si occupa anche della direzione artistica di importanti rassegne (tra cui “Storie di Jazz a Padova” e “Sacre Armonie”). Insieme al musicologo Roberto Favaro ha fondato nel 1986 la Scuola di Musica “George Gershwin” di Padova di cui è il direttore. In questi anni ha avuto modo di collaborare, in ambito jazzistico, con Paolo Fresu, Stefano Battaglia, Enrico Rava, Claudio Fasoli, Patrizio Fariselli, Paolino Dalla Porta mentre nel campo della musica d’autoresi è esibito con Ricky Gianco e Gualtiero Bertelli e inoltre con il rimpianto bluesman Cooper Terry. Ha suonato, oltre che in Italia, in Jugoslavia, Nicaragua, Svizzera, Canada, Ecuador, Slovenia, Stati Uniti, Repubblica Araba Saharawi Democratica. Ha viaggiato e suonato in questi paesi incontrando la loro storia, cercando l’intersezione tra la sua musica e le musiche di questi territori. Dal 2000 si occupa di musiche per teatro, collaborando con vari autori tra i quali Massimo Carlotto, Carlo Lucarelli, Gian Antonio Stella, Stefano Tassinari e con gli attori Ivano Marescotti, Ottavia Piccolo, Moni Ovadia, Bebo Storti, Lella Costa, Pamela Villoresi, Alessandro Haber. Ha al suo attivo otto CD a proprio nome – “In alto mare” (Caligola Records), “…nostra patria è il mondo intero” (Il Manifesto), “La frontiera scomparsa” (Il Manifesto), “Impronte” (Il Manifesto-Caligola Records), “Energie Positive” (Blue Serge), “Cristiani di Allah” (Blue Serge), “Mare chiuso” (Blue Serge) e “Radiomondo” (Blue Serge).

Per informazioni:
Spazio Gershwin – Scuola di Musica “Gershwin”
tel: 348.9491132
mail: marketing@spaziogershwin.org
web: www.spaziogershwin.org