Lo splendore di Aleppo al Tempio della Beata Vergine del Soccorso di Rovigo

 

musike logo

Lo splendore poetico della tradizione musicale di Aleppo
Canti d’amore e di lode delle comunità siro-cristiana, armena, musulmana e giudaica

Razek-François Bitar, controtenore
Salah Eddin Maraqa, qanun
Mohamed Fetyan, nay e  kawala
Firas Hassan, riqq e darbuqa
Paolo Scarnecchia, presentazione

Venerdì 30 settembre al Tempio della Beata Vergine del Soccorso (La Rotonda) di Rovigo – Lo splendore di Aleppo.

I canti d’amore e di lode delle comunità siro-cristiana, armena, musulmana e giudaica rivivranno venerdì 30 settembre al Tempio della Beata Vergine del Soccorso (La Rotonda) di Rovigo con il concerto-narrazione commissionato da Musikè all’etnomusicologo Paolo Scarnecchia e intitolato Lo splendore di Aleppo.

Il dialogo tra i popoli e tra le culture, che è anche dialogo tra le arti, è sempre stato un tratto distintivo di Musikè, rassegna itinerante promossa e organizzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.

Dopo l’appuntamento di venerdì 23 settembre in Duomo Vecchio a Monselice Musikè dedica un secondo spettacolo alla spiritualità e al dialogo interreligioso, dove l’eternità del sacro incontra la tragica attualità dei nostri giorni: un canto di speranza, un inno alla convivenza pacifica, all’insegna della musica che unisce.

I canti d’amore e di lode delle comunità siro-cristiana, armena, musulmana e giudaica rivivranno venerdì 30 settembre al Tempio della Beata Vergine del Soccorso (La Rotonda) di Rovigo La voce narrante di Paolo Scarnecchia, il canto di Razek-François Bitar e le musiche di Salah Eddin Maraqa (qanun), Mohamed Fetyan (nay e kawala), Firas Hassan (riqq e darbuqa) riporteranno in vita la musica e gli strumenti della città siriana di Aleppo, posta lungo l’antica via della seta e oggi purtroppo in rovina.

Firas Hassan, riqq e darbuqa

Firas Hassan, riqq e darbuqa

I cantori di Aleppo godevano di grande fama in tutto il Vicino Oriente. La tradizione musicale aleppina era legata alla poesia strofica con ritornello, detta muwashshah, fiorita nella Spagna musulmana medievale e coltivata attraverso i canti profani e devozionali, simbolo storico di convivenza civile e tesoro culturale mediterraneo di inestimabile valore.

Razek-François Bitar, controtenore, nato ad Aleppo, ha studiato nella Facoltà di Filosofia e in seguito nell’Alto Istituto di Musica di Damasco prima organo e poi canto con Arax Chekidjian. In Italia si è diplomato in canto al conservatorio “N.Paganini” di Genova sotto la guida di Carmen Vilalta per il Triennio e al Santa Cecilia di Roma con Silvia Silveri per il Biennio.
È stato premiato al “Concorso Internazionale di Musica Sacra” di Roma, città dove si è esibito diverse volte anche in presenza dei due precedenti Pontefici.
Interprete di ruoli d’opera come l’Orfeo di Gluck, La Finta Giardiniera di Mozart, I Giuochi di Agrigento di Paisiello, Morte a Venezia di Britten e molti altri, é in possesso di un grande repertorio di Musica Sacra (Bach, Monteverdi, Haendel) e di musica da camera. Ha debuttato in numerosi teatri italiani ed esteri (La Fenice di Venezia, Comunale di Modena, Ferrara, Rio di Janeiro) e in diversi Festival fra cui quello di Martina Franca. Ha cantato in concerti solistici e con Ensemble in varie città del mondo. Più volte inserisce nei suoi programmi l’immenso patrimonio di musiche di tradizione medio orientali delle quali è anche ricercatore. Parla arabo (lingua madre), armeno, francese, italiano, inglese e tedesco. Risiede a Berlino dove insegna canto all’Università delle Arti e nelle scuole di musica.

Salah Eddin Maraqa (1981, Amman, Jordan) is a Palestinian musician. He began studying the Qanun at the age of nine at the National Music Conservatory. As a child he represented Jordan in outstanding solo performances as well as a member of the conservatory’s Arab Ensemble and Orchestra in many local and international music festivals in various Arab and Europrean countries. In 1994 the late renowned Iraqi Oud Virtuoso Munir Bashir (1930–1997) became Salah’s musical mentor, and taught him and encouraged him to pursue his musical talent. In November of the same year Salah participated in the Qanun Competition of the Third Arab Music Conference held at the Cairo Opera House in Egypt, where he presented an exceptional performance that reflected his talent and consequently won him a special prize created especially for him due to his young age. In 1995 he was awarded the Al-Hussein Gold Medal for Excellence, presented to him by Her Majesty Queen Noor. Since 2000, Salah has been living in Germany, where he has finished his Master’s degree and Phd in Musicology at the University of Münster and the University of Würzbrug. Aside Ethno-Pop and World Music Salah in concerned with keeping alive a more than a 1000 year old genuine Arabic music heritage. He has been working with great Musicians playing on the most renowned stages in Europe, America, North Africa, and the Middle East. Salah is a member of the renowned ensemble Sarband the oriental Jazz quartet LebiDerya.

Tempio della Beata Vergine del Soccorso detta La Rotonda, Rovigo

Tempio della Beata Vergine del Soccorso detta La Rotonda, Rovigo

Mohamad Fityan (1984, Aleppo, Syria) is a Syrian musician and composer known for his mastery of the ney and kawala. Fityan studied under Mohamad Kassas and Berj Kassis. He has performed with the Syrian Orchestra and Syrian Jazz Band since 2003, and has been performing solo concerts since 2005. He received his diploma from the Higher Institute of Music in Damascus in 2010. In 2009, he founded his own band, named Ara-Sham. Fityan teached ney and kawala at various institutes across Syria, including the Solhi al-Wadi Institute for Music, the Syrian-Dutch “Music in Me” project supported by UNRWA since 2003, the Al-Assad Youth Institute since 2004, and the UNICEF SOS Village (2007-2009).

Firas Hassan (1979, Wadi Al Oyoun, Syria) At the age of 21, Firas moved to Lebanon to pursue his musical education and enrolled directly in the Lebanese Conservatory to graduate later in 2006. Right after that, he started to teach Arabic percussion at the higher music institute of music in Damascus. In 2012 Firas received a scholarship from Berklee College of Music to study master degree in Contemporary Studio Performance in the Valencia Campus where he was awarded with a postmaster’s scholarship for the Development of a curriculum for Arabic percussion instruments. In 2014 he finished the first volume of his method (and he finished the first volume of his method (Fundamental Musical Language on Darbuka). Firas has a broad experience running workshops and seminars about Arabic percussion all around the world and now he is teaching Oriental Percussion at the Popakademie Mannheim.As a performer he has performed with many bands of different styles such as classical music, Classical Arabic music, Jazz, Fusion, Latin and Flamenco. Besides he has worked as a studio musician recorded taking part in many albums.

Paolo Scarnecchia, è stato professore a contratto presso l’Università degli Studi L’Orientale e l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli, e l’Università La Sapienza di Roma, ed ha partecipato a convegni e congressi internazionali, tenendo numerose conferenze in Italia e all’estero sulle culture musicali del mondo mediterraneo e in particolare del Vicino Oriente. Ha diretto festival e rassegne internazionali, curato il volume Musica e politica (Marsilio 1977), e pubblicato Musica popolare brasiliana (Gamma Libri 1983), La musica in Portogallo (CIDIM 1986), Heitor Villa-Lobos (La Musica 1987), Musica popolare e musica colta-Enciclopedia del Mediterraneo, (Jaca Book 2000, edito anche in spagnolo, francese e arabo), e traduzioni dal portoghese per Bompiani, Gamma Libri e Sellerio. È docente di Storia della musica presso il Conservatorio “Nicola Sala” di Benevento, e collabora con Il Giornale della Musica e Rai Radio3.

Inizio spettacoli ore 21.00
Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria su www.rassegnamusike.it

 Informazioni:
tel. 345 7154654
www.rassegnamusike.it

Musikè 2016 è una rassegna promossa e organizzata da
Fondazione Cassa di Risparmio Padova e Rovigo
www.rassegnamusike.it – info@rassegnamusike.it
www.facebook.com/rassegnamusike
tel. 345 – 7154654

Ideazione e coordinamento
Alessandro Zattarin

Gruppo di lavoro
Mario Giovanni Ingrassia
Claudio Ronda
Gabriele Vianelli

Comunicazione
Roberto Fioretto

Supervisione
Alessandra Veronese

Progetto grafico
Metropolis ADV

Ufficio stampa
Studio Pierrepi
Via delle Belle Parti 17 – 35141 Padova
mob. (+39) 345 7154654
web: www.studiopierrepi.it

 

 

Condividi