Il Parco d’Europa di Padova diventa “Parco delle Arti”

Rassegna di spettacoli al Parco d’Europa
giugno-settembre 2014

Il Parco d’Europa di Padova diventa “Parco delle Arti”

Dal 21 giugno al 4 settembre tornano gli appuntamenti estivi del Comune di Padova. Un ricco programma di spettacoli tra musica, danza e teatro nel nuovo spazio del Parco d’Europa di Padova.

Da sabato 21 giugno a giovedì 4 settembre gli appuntamenti estivi del Comune di Padova, promossi dall’Assessorato alla Cultura, Settore Attività Culturali in collaborazione con il Assessorato Verde e Parchi Urbani, Settore Verde Pubblico, si arricchiscono di una nuova sede: il Parco d’Europa. Trasformato per l’estate 2014 in un vero e proprio “Parco delle Arti”, lo spazio verrà animato da un ricco cartellone di spettacoli che spazieranno dalla musica classica alla world music, dagli spettacoli di danza ai musical, dal teatro di prosa alle rappresentazioni per bambini sotto la direzione artistica e organizzativa della Scuola di Musica “Gershwin”. Un cartellone ricco di proposte per il largo pubblico che avrà come protagonisti alcuni dei più rappresentativi esponenti del panorama musicale, teatrale e coreutico italiano e internazionale. Si esibiranno nel corso dell’estate, tra gli altri, Antonella Ruggiero, Fabrizio Bosso, Ascanio Celestini, Cheryl Porter, la band di folk irlandese FullSet, i cubani Leo Wilber y su toque e la compagnia di artisti del Bollywood Circus. Ampio spazio sarà dato anche alle eccellenze del nostro territorio – quali l’Orchestra di Padova e del Veneto, l’Orchestra Jazz del Veneto, gli ensemble vocali BluBordò e Moviechorus – e alle molte associazioni che operano con grande passione e impegno nella nostra città come Duendarte (con lo spettacolo teatrale di flamenco), SpazioD (con l’appendice estiva della rassegna Prospettiva Danza Teatro), Teatro Fuori Rotta e Fondazione AIDA (con una programmazione teatrale per adulti e bambini) e la neonata impresa di promozione sociale TOP Teatri Off Padova.

L’inaugurazione della rassegna del “Parco delle Arti”, sabato 21 giugno, giorno del solstizio d’estate, coincide volutamente quest’anno con la “Festa Europea della Musica”, progetto nato in Francia nel 1981 e divenuto in breve tempo un avvenimento mondiale e uno dei simboli dell’unione culturale tra i Paesi ed i popoli. Per l’occasione a Padova, a partire dalle 17.00, oltre 200 artisti coordinati dalla sezione padovana del SIEM (Società Italiana di Educazione Musicale), si sono dati appuntamento al Parco d’Europa per una non-stop, ad ingresso gratuito, di musica e arte: dalla parata delle percussioni brasiliane di Mestrino alla Banda Folkloristica Euganea, accompagnata dalle majorettes, passando per l’Orchestra dell’Istituto Ardigò, l’Ensemble di bassi e il Quartetto Sax del Liceo Musicale Marchesi, la Filarmonica di Mestrino, l’Ensemble Kaleidos, la Classe di musica d’insieme per cantanti Scuola di Musica Gershwin, i musicisti Sandro Rigato, Damiana Fiscon, Annamaria Calore, Maurizio Scalabrin e il Trio Egan, ensemble di musica tradizionale irlandese. Alla musica si aggiungeranno il teatro e la danza con Maropa dance evolution, la Scuola Danza Gestuale e la Compagnia Padova Danza. Il poeta Alessandro Cabianca, accompagnato al pianoforte da Oliviero De Zordo, reciterà per il pubblico “Il Ritmo dei Versi”.

La programmazione al Parco d’Europa prosegue, mercoledì 25 giugno, con un’emozionante viaggio della storia della canzone. Il BluBordò Vocal Ensemble, coro di 50 elementi diretto da Alessandra Pascali, presenta l’unica data in Veneto del tour estivo con un repertorio divertente e internazionale. Un viaggio tra i grandi successi degli U2 e degli Abba, un omaggio ai musical più famosi, una selezione delle hits del momento e l’immancabile gospel contemporaneo. Sul palco con loro si esibiranno cantanti del calibro di Cheryl Porter, Stefania Miotto, Paola Casula, Tiziana Guerra, Lubjan e Anna Tosato. L’accompagnamento strumentale vedrà Jacopo Jacopetti al sax, Ivan Zuccarato al pianoforte e tastiera, Daniele Vianello al basso e contrabbasso e Graziano Colella alla batteria. L’artista Andrea Bettin accompagnerà la musica esibendosi in un live painting.

Giovedì 26 giugno la musica lascia spazio alla danza con un appuntamento organizzato in collaborazione con “Prospettiva Danza Teatro” di Laura Pulin. La Compagnia MM Company si esibirà in “Agora Coaching Project”: tre coreografie, firmate da Emanuele Soavi, Enrico Morelli e Richard Wherlock che spaziano dal mondo onirico e surreale di “Slowed Down” a quello sotterraneo e alienante di “Uscita di Sicurezza” per approdare all’ironia al divertimento che caratterizzano i balletti delle Operette.

Torna anche ques’anno ad arricchire la programmazione del “Parco delle Arti” il “Padova World Music Festival”, quattro appuntamenti tra giugno e luglio che idealmente vogliono costruire un ponte attraverso i suoni, le danze, le voci e le musiche provenienti da svariati angoli del mondo. Prima data è venerdì 27 giugno con una “Noche Cubana” che avrà come protagonista Leo Wilber, cantante cubano che nella sua carriera ha portato la musica tradizionale cubana nel mondo, esibendosi con i gruppi All Costa, Sabor Karibe e La Banda del Puerto, molto apprezzati dagli amanti della Salsa cubana. Per questo spettacolo, in esclusiva per il Padova World Music Festival, sarà accompagnato da una band all stars guidata dal percussionista Ernesttico, già noto in Italia per le collaborazioni con Jovanotti, Zucchero, Pino Daniele, Gloria Estefan e Eros Ramazzotti. Il secondo appuntamento con il “Padova World Music Festival”, giovedì 3 luglio, vedrà invece confrontarsi l’universo sonoro di provenienza jazz di Maurizio Camardi con le canzoni e la voce di Antonella Ruggiero. Alcuni brani scritti appositamente da Camardi per la splendida voce di Antonella Ruggiero e altri del repertorio di Antonella danno vita a questo spettacolo, impreziosito dall’accompagnamento di grandi musicisti tra cui spicca il calore del sound del percussionista cubano Ernesttico. Le pellicole di Bollywood e il circo indiano sono gli elementi ispiratori dello spettacolo “Bollywood Circus” di giovedì 10 luglio, organizzato in collaborazione con il Nomad Dance Festival di Maya Devi. Danzatrici e fakiri con le sciabole e coreografie con il fuoco si intrecceranno con la danza aerea e con balli tribali e gitani accompagnati dalle musiche di Bollywood. I ritmi balcanici si fonderanno con la Bhangra del Punjab, la danza andalusa con la Garbha e poi ancora un crescendo con danze gypsy e del Rajasthan. Un intreccio di culture, una fusione di tradizioni in un viaggio dai deserti ai templi, dai palazzi alle corti con musicisti e danzatrici provenienti da India, Iraq, Rajasthan e Italia. Dopo Cuba, Mediterraneo e India il viaggio del “Padova World Music Festival” si conclude mercoledì 16 luglio “sotto il cielo d’Irlanda” con il concerto dei FullSet, gruppo folk irlandese con un suono sorprendente ed unico, pieno di energia ed innovazione che li ha resi una delle band più conosciute nel panorama musicale irlandese.

Il fascino senza tempo del tango argentino rivivrà invece venerdì 11 luglio nell’evento organizzato in collaborazione con Prospettiva Danza Teatro e con SpazioD di Laura Pulin, portando sul palco i danzatori Margarita Klurfan e Walter Cardozo con musiche dal vivo di Orquesta Tango Tinto, ensemble di tango argentino composto da artisti argentini ed europei di alta formazione, e testi letti e interpretati da Vasco Mirandola.

Gli ottanta elementi del Moviechorus BIG, diretto da Erika De Lorenzi e la special guest Chiara Luppi, giovedì 17 luglio, interpreteranno in chiave polifonica le colonne sonore dei film e dei cartoni animati più amati (Walt Disney, Warner Bros, Dream Works), del grande cinema e delle opere musical più famose.

Gli amanti della musica classica saranno accontentati venerdì 18 luglio dai Fiati dell’Orchestra di Padova e del Veneto diretti da Gabriele dal Santo che proporranno al “Parco delle Arti” brani tratti dal Guglielmo Tell di Gioachino Rossini, nella versione per strumenti a fiato di W. Sedlak; il Divertissement per 10 fiati di Werner Egk e Lo Schiaccianoci, suite dal balletto op. 71, nella versione di A.N. Tarkmann per 9 fiati e contrabbasso di Pëtr Il’ič Čajkovskij.

Lunedì 21 luglio la settimana comincerà all’insegna del teatro di Ascanio Celestini e il suo “Racconti: il piccolo paese”. Sono microstorie che iniziano e finiscono in pochi minuti, una sorta di concept album dove canzoni diverse raccontano un unico luogo. Qualcuna proviene dalla tradizione popolare, ma tutte hanno in comune l’improvvisazione.

Mercoledì 23 luglio si torna al balletto con la compagnia Ballet Flamenco R&M impegnata, sotto la direzione artistica di Rubén Martin e Marta Roverato, in “Tiempo: La Historia de un amor en tiempos de guerra”. Tiempo è il risultato di quasi due anni di ricerca, attraverso letture, riferimenti storici e musicali. Gli autori hanno incontrato una rete di simmetrie e coincidenze,  un universo di simboli e motivi comuni: il desiderio di armonia, la complementarietà di luce e ombra, la difesa dell’amore, l’impulso a rialzarsi quando l’amore sembra perduto per sempre, la vita che trascorre ma con il sentimento che perdura nel tempo.

L’irresistibile e contagiosa commedia “Spirito Allegro” di Noel Coward andrà in scena venerdì 1 agosto grazie alla compagnia “Teatro Fuori Rotta”, diretta da Gioele Peccenini. Un capolavoro inossidabile che si distingue per brillantezza e colpi di scena e che da più di settant’anni continua a girare per il mondo riscuotendo ampio successo di pubblico e di critica. La compagnia tornerà a calcare il palcoscenico del “Parco d’Europa” giovedì 4 settembre con “Novecento-La leggenda del pianista sull’oceano” tratto dal capolavoro di Alessandro Baricco.

Dopo la pausa nella parte centrale di agosto, la programmazione al Parco d’Europa riprende con un evento speciale martedì 26 agosto che vedrà protagonista l’Orchestra Jazz del Veneto diretta da Maurizio Camardi. Il progetto nasce dall’idea di riunire in un organico stabile i più importanti musicisti jazz dell’area veneta coinvolgendo all’incirca una trentina di artisti che poi si esibiranno in organici differenti a seconda dei vari repertori con l’obiettivo di diffondere il movimento jazzistico veneto e i suoi artisti più rappresentativi su tutto il territorio nazionale e anche all’estero. Al Parco d’Europa si concluderà la tournée estiva dell’OJV con un cast d’eccezione: Maurizio Camardi (direzione, duduk, hulusi), Gigi Sella (sax soprano), Michele Polga (sax contralto), Ettore Martin (sax tenore e arrangiamenti), Giovanni Masiero (sax baritono), Gastone Bortoloso (tromba), Gianluca Carollo (tromba e flicorno), Beppe Calamosca (trombone e fisarmonica), Luca Moresco (trombone basso), Marco Ponchiroli (pianoforte), Federico Malaman (contrabbasso e basso elettrico), Mauro Beggio (batteria). Special guest della serata il trombettista Fabrizio Bosso, uno degli artisti più rappresentativi del jazz italiano a livello mondiale.

Sabato 30 agosto è protagonista al “Parco delle Arti” la Cooperativa di Impresa Sociale “TOP Teatri Off Padova” che porterà in scena, per la regia di Stefano Eros Macchi, “Il padre” tragedia del drammaturgo svedese August Strindberg. Un capolavoro di dura psicologia che parte da un dissenso coniugale. Adolf, uomo rigoroso si scontra con la moglie Laura sull’educazione della figlia Berta. Egli la vorrebbe insegnante, lavoro che si addice ad una donna mentre la madre la vuole artista, velleità ridicolizzata dal marito. In tal modo vengono messi a nudo i nodi irrisolti di un rapporto inaridito da regole che hanno reso i due coniugi estranei l’uno all’altro, rivali, nemici. Laura, decisa a imporre ad ogni costo la propria volontà, non esita ad instillare nell’animo del marito un dubbio atroce: quello della sua stessa paternità. Inizia così il lungo calvario mentale del protagonista che sprofonda in un’angoscia devastante, prefigurando la crisi dell’istituto familiare, che si basa sull’idea stessa di paternità quale fondamento del potere sulla famiglia e nella società ed assicurazione di eternità.

Nel corso della rassegna non mancheranno gli appuntamenti dedicati ai più piccoli grazie alla collaborazione con la Fondazione Aida- Teatro Stabile di Innovazione. Martedì 22 luglio sono di scena “I Tre porcellini”, spettacolo per bambini vincitore del premio Biglietto d’oro di AGIS. Con la regia di Massimo Lazzeri, che ha curato anche la drammaturgia e scritto le canzoni originali, tre attori quasi invisibili (Fabio Slemer, Stefano Zanelii e Riccardo Carbone) animano cinque pupazzi che cantano, ballano, saltano, corrono su una verde collina che si trasforma via via in casa di paglia, legno e mattoni, in strada di campagna e in albero di mele. Una nonna nella storia sbagliata, tre allegri porcellini e un lupo, che ha un’unica passione, quella della musica,  e un’unica paura, quella dei bambini. Domenica 31 agosto è invece in scena “Pippi Calzelunghe” di Astrid Lindgren nella riduzione teatrale, traduzione e regia di Pino Costalunga e Marinella Rolfart. Lo spettacolo narra le vicenda di Pippi, una bambina assolutamente fuori dagli schemi, e dei suoi amici attraverso i loro occhi sbarazzini e spensierati. Un quadro esaustivo e divertente di uno dei personaggi oramai più celebri nel mondo intero proprio per la sua simpatia e capacità di comunicare, di cercare guai e di comportarsi in maniera un po’ rude con la stessa libertà dei maschi.

Numerosi gli eventi collaterali che si affiancheranno agli spettacoli principali: dalla “milonga al Parco”, inserita nella programmazione del 15° Padova Tango Festival, in collaborazione con Cochabamba444, che porterà al Parco d’Europa i tanti appassionati del ballo (mercoledì 2 luglio) alla serata di musiche, danze e tradizioni della cultura cubana intitolata “Ibù Akuaro” organizzata in collaborazione con l’Associazione Cubanordest sabato 26 luglio. E poi ancora concerti e dj set jazz inseriti nell’abituale programmazione estiva di “Storie di Jazz” in collaborazione con il Q Bar.

L’ideazione del progetto “Parco delle Arti” nasce anche dalla volontà di costruire un tessuto di relazioni con alcune attività commerciali dell’area circostante. In tal senso sono state attivate delle convenzioni speciali con alcuni partner che proporranno delle particolari promozioni rivolte alle compagnie artistiche e al pubblico per offrire a tariffe agevolate l’ospitalità alberghiera e i servizi di ristorazione.

Inoltre all’interno del Parco d’Europa è prevista la presenza di due distinti punti ristoro che saranno attivati in occasione delle giornate di spettacolo a cominciare dal tardo pomeriggio mettendo a disposizione del pubblico un’area dedicata alla somministrazione di bevande e snack e anche un chiosco di gelati artigianali.

L’ingresso al Parco d’Europa sarà da via del Pescarotto con ampie possibilità di parcheggio nella zona. Sarà possibile inoltre prenotare telefonicamente la visita guidata serale del Giardino di Cristallo in occasione degli spettacoli.

In caso di maltempo gli spettacoli si terranno in sedi al coperto o verranno recuperati in altra data.

Il programma completo è disponibile sul sito ufficiale www.padovainestate.it

INFO BIGLIETTERIA
Prevendite presso
Gabbia Dischi – via Dante, 8 – tel. 049.8751166
Coin Ticket Store – via Altinate (III piano) – tel. 049.8364084
Scuola di Musica Gershwin – via Tonzig, 9 – tel. 342.1486878
Cartoleria Cianfrone – via Asolo, 9 – tel. 049 8803700
la sera dello spettacolo dalle ore 20.00 in biglietteria Parco d’Europa (ingresso via del Pescarotto)
biglietteria online sul circuito Vivaticket – www.vivaticket.it

INFO LINE
342 1486878
info@padovainestate.it
www.padovainestate.it