Eventi a Corte. Il Castello Carrarese di Padova torna a nuova vita

Eventi a Corte
Padova Estate Carrarese 2013

Dal 20 giugno al 27 settembre al Castello Carrarese
www.estatecarraresepadova.it

Il Castello Carrarese di Padova torna a nuova vita ospitando da giugno a settembre concerti, spettacoli di danza, festival e rassegne teatrali di grande spessore.

Per ulteriori informazioni e immagini www.estatecarraresepadova.it

«Le donne, i cavallier, l’arme, gli amori/le cortesie, l’audaci imprese io canto». Se il famoso incipit dell’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto fosse stato scritto nel 2013 descriverebbe molto accuratamente le premesse che animano “Eventi a Corte”, rassegna di eventi promossa dall’Assessorato alla Cultura e dal Settore Attività Culturali del Comune di Padova che si svolgerà da  giugno a settembre nella grande piazza d’armi del Castello Carrarese recentemente restaurata.

L’obiettivo della manifestazione è duplice. Da un lato essa vuole restituire alla Città di Padova il Castello, la cui vista è stata preclusa ai padovani e ai turisti per ben due secoli, data la sua destinazione d’uso a presidio militare prima e a carcere poi. Dall’altra, attraverso i linguaggi contemporanei delle arti, “Eventi a Corte” vuole far rivivere, in quest’area quasi dimenticata di ben 7.400 metri quadrati, quell’atmosfera di mecenatismo e raffinatezza che la animava nel XIV secolo quando, sotto la Signoria dei Carraresi, Padova poteva fregiarsi del titolo di vera e propria capitale culturale europea.

La manifestazione, che prenderà il via ufficialmente giovedì 20 giugno, può contare su di un calendario di prestigiosi eventi tra musica, danza, teatro organizzati da associazioni culturali che possono vantare ampia eco sul terrorio padovano e non solo. A coronamento degli spettacoli in cartellone, grazie agli interventi di docenti e studiosi curati dal Comitato Mura di Padova, il pubblico verrà inoltre coinvolto in un percorso emozionale di riscoperta del Castello osservando il paziente restauro, ancora in atto, di questo monumento-simbolo della città, ricco di storia, unico nel suo genere, anche dal punto di vista architettonico.

«Un preludio -affermano l’Assessore alla Cultura Andrea Colasio e il Vice Sindaco Ivo Rossialla vera e propria apertura al pubblico della struttura che costituisce uno degli obiettivi fondamentali della nostra Amministrazione».

Da giovedì 20 a sabato 22 giugno, il festival “Canzoni a Corte”, curato dalla Associazione “La Mela di Newton”, propone un viaggio tra Stati Uniti, Nuova Zelanda e Italia per riscoprire la bellezza della forma-canzone. Si parte da Nashville, con Kurt Wagner e i suoi Lambchop alla riscoperta delle radici del country e del folk americano (20 giugno). Si passa poi per Rivoli, vicino a Torino, con i Perturbazione, una delle realtà più mature e originali della musica leggera italiana (21 giugno). Sabato 22 gugno il viaggio terminerà tra Auckland (Nuova Zelanda) e Londra con la giovane formazione indie-rock dei The Veils.

Evento speciale domenica 23 giugno: a partire da quest’anno, infatti, anche la città di Padova entra nella rete del Festival Scene di Paglia curato da Fernando Marchiori, ospitando la Compagnia César Brie con “Karamazov” che mette in scena un Dostoevskij contemporaneo, affrontando i grandi temi dell’autore con una profonda intensità interpretativa. Giovedì 27 giugno dalle 19.45 sarà protagonista la danza con il Padova Tango Festival che propone una “milonga in corte”, il ballo sociale per tutti, che porterà in città tanti appassionati attratti dalla suggestione di poter ballare in un luogo unico e incantevole.

Sabato 29 giugno il Castello ospiterà l’evento conclusivo di StoriEnote con la prima nazionale del nuovo allestimento di “The fool on the hill. Storia minima dell’uomo che uccise i Beatles” con Alessandro Haber, Giampaolo Bandini e il Quartetto Savinio. Domenica 30 giugno sarà la volta di “Corti in corte” proiezione di cortometraggi realizzati dalle Associazioni “Corti a Ponte” e “XEARTE”.

Da giovedì 4 a domenica 7 luglio prende vita il “Teatro a Castello”, rassegna curata dell’attore veneto Roberto Citran, che porterà a Padova due spettacoli a sera per un totale di quattro dialoghi e quattro monologhi, dove verranno presentati sia testi originali che rivisitazioni di classici con l’obiettivo di «mettere insieme città e Teatro, come parti fondanti di un unico evento, in cui il cittadino è lo spettatore per eccellenza».

«Un viaggio attraverso i suoni, le danze, le voci e le musiche provenienti da svariati angoli del mondo» è, invece, la proposta, dal 10 al 13 luglio, della prima edizione del “Padova World Music Festival” organizzato dalla Scuola di Musica “Gershwin” in collaborazione con “Spazio Danza”. Si inizia mercoledì 10 luglio con la prima assoluta a Padova di Hevia, il grande suonatore di cornamuse asturiano, autentica star internazionale della musica folk tornato di recente alla ribalta con l’album “Obsession”. Giovedì 11 luglio è “Simplemente…tango!” con l’Orquesta Tango Spleen e i ballerini di fama internazionale Walter Cardozo e Margarita Klurfan con Sebastian Romero e Claudia Sorgato che si concluderà con una milonga insieme al pubblico. Venerdì 12 il Gran Galà del Flamenco porterà in città un cast d’eccezione riunendo sul palco del Castello alcuni tra i migliori interpreti di voci, musiche e danze provenienti dalla Spagna. La chiusura del Festival, sabato 13 luglio, è affidata invece al debutto assoluto della Banda di Via Anelli, orchestra multietnica di 16 artisti residenti in italia e provenienti da diverse parti del mondo.

Giovedì 18 luglio alle 21.30  concerto di Tony Esposito e “La banda del sole” per sperimentare i ritmi e le melodie del Mediterraneo, dove le composizioni di Esposito si incontrano con le composizioni ed i generi degli autori con cui Tony ha collaborato nel suo percorso artistico. Il tutto guidato ed amalgamato dal sound ritmico unico del percussionista napoletano.

Mercoledì 24, venerdì 26 e lunedì 29 luglio tra grandi appuntamenti al Castello con la musica classica e le compagini orchestrali della città. Mercoledì “I Solisti Veneti” diretti da Claudio Scimone con la partecipazione di Antoine Acquisto proporranno al pubblico “Fascino tra tromba e bugle” con musiche di Vivaldi, Tartini, Bonporti Mascagni, Drigo, Arutjunjan e Steffens. Anteprima estiva per la Stagione Lirica di Padova, venerdì 26 luglio, con “L’elisir d’amore” di Gaetano Donizetti per la regia di Giulio Ciabatti. Il Coro città di Padova sarà diretto da Dino Zambello. Il maestro concertatore e direttore d’orchestra Giampaolo Bisanti dirigerà l’Orchestra di Padova e del Veneto.

L’OPV tornerà protagonista lunedì 29 luglio con la direzione del grande pianista e compositore italo-argentino Luis Bacalov (Premio Oscar 1996) e Enrico Fagone al contrabbasso solista in un programma dal respiro cinematografico, che comprenderà musiche dello stesso Bacalov, oltre a brani di Piazzolla, Morricone e Gardel.

Dopo la pausa, il Castello riaprirà venerdì 30 agosto alle 21.00 per ospitare il concerto dell’Ensemble D’Autunno Quintet (EDAQ), organizzato dall’Associazione “Festa Continua – danza e musica popolare” all’interno della seconda edizione del Festival di cultura, musica e danza popolare “Radici”. Il repertorio degli EDAQ, nuovo progetto di alcuni dei più rappresentativi musicisti in ambito folk e dintorni del Piemonte, propone musica tradizionale che è ricerca etnomusicologica nelle valli occitane, in Francia e nelle valli franco-provenzali del Piemonte, ma anche musica vissuta nel suo stretto legame con il territorio e la contemporaneità, sui sentieri, nei bar, folk di riproposta, jazz ed elettronica.

Gli appuntamenti con il teatro riprenderanno domenica 8 settembre alle 18.00 con “I Carraresi e l’ultima ruota del carro” di Olivia Cauzzo, spettacolo per bambini di ogni età in cui verranno presentati con leggerezza ed ironia alcuni dei personaggi della famiglia dei Carraresi, personaggi che hanno fatto la storia di Padova e di buona parte del territorio veneto.

Sempre dedicati al teatro gli eventi curati dall’associazione Tam Teatromusica. Venerdì 13 settembre, per “relAzione Urbana 2013” verrà presentato lo spettacolo per bambini e adulti “Paladini di Francia. Vita, morte e disavventure di Orlando e di altri strani paladini” messo in scena dai Cantieri Teatrali Koreja di Francesco Niccolini per la regia di Enzo Toma. Sabato 14 settembre, alle 21.00, all’interno del progetto “Tam Teatrocarcere” andrà in scena “Experti”, spettacolo ispirato a “Relazione per un’Accademia” di Franz Kafka, messo in scena da un gruppo di detenuti del carcere Due Palazzi di Padova. Chiude la tre giorni, domenica 15 settembre, l’opera performativa “Tutto quello che rimane”, ideata e diretta da Michele Sambin con testi tratti dal volume omonimo di Pierangela Allegro e video dei detenuti-attori del progetto “Tam Teatrocarcere”.

“Eventi a Corte” si concluderà venerdì 27 settembre in concomitanza con la “Notte Europea dei Ricercatori 2013”. L’INAF Osservatorio Astronomico di Padova partecipa alla manifestazione, con un ricco programma di eventi per il pubblico che hanno lo scopo di avvicinare i cittadini alla scienza e ai luoghi dove la ricerca si compie. Tra le tante attività vi sarà anche un gioco didattico per raccontare ai più giovani le meraviglie dell’Universo nella splendida cornice del Castello Carrarese adiacente alla Specola. Nel corso della serata verrà aperta al pubblico anche la Sala dell’Iscrizione del Museo “La Specola”, all’interno della quale sarà allestita una piccola mostra tematica di strumenti, libri e documenti astronomici antichi

“Estate a Corte” si avvale del patrocinio e contributo dell’Assessorato alla Cultura e del Settore Attività Culturali del Comune di Padova.

Un ringraziamento particolare a Banca Mediolanum

Media Partner ufficiale:  Radio Padova e Easy Network

Per informazioni
www.estatecarraresepadova.it