Ultimo fine settimana a Detour

DETOUR. FESTIVAL DEL CINEMA DI VIAGGIO
Padova • Abano Terme | 22-31 marzo 2019 | 7a edizione

Ospiti d’onore alla cerimonia di premiazione del Festival Fabrizio Bentivoglio e Alessandro Pesci, che riceveranno il premio speciale “Padova incontra il cinema”.

Scarica il comunicato stampa

Ultimo fine settimana per Detour, Festival del Cinema di viaggio che, forte del successo di pubblico ottenuto a partire dalla sua inaugurazione il 22 marzo ad Abano Terme, sabato 30 e domenica 31 marzo si appresta a chiudere la propria settima edizione con proiezioni ed eventi speciali. Gran finale domenica 31 marzo con la cerimonia di premiazione alla presenta di Fabrizio Bentivoglio che, con Alessandro Pesci, riceverà il premio speciale “Padova incontra il cinema” in occasione della cerimonia di chiusura del festival, domenica 31 marzo alle 21.00 al Cinema PortoAstra. Una serata speciale arricchita anche dalla proiezione de La lingua del santo di Carlo Mazzacurati, girato a Padova proprio vent’anni fa: un titolo scelto per omaggiare la città di Padova, nella quale il film è interamente ambientato, e Fabrizio Bentivoglio, protagonista del film assieme ad Antonio Albanese, ma anche per ricordare il regista Carlo Mazzacurati a cinque anni dalla scomparsa.

La lingua del santo (commedia, Italia 2000) regia di Carlo Mazzacurati

Sabato 30 marzo saranno protagoniste le proiezioni dedicati ai film in concorso. Sono quattro i film in programma presso il cinema PortoAstra: alle ore 15.30, il polacco Fugue, emozionante viaggio di una donna che, dimenticata la propria identità, deve confrontarsi con la sua vecchia vita; alle ore 17.30 il ceco Winter Flies, un divertente film sull’amicizia e sul desiderio adolescenziale di sentirsi vivi; alle ore 19.30 la regista francese Marie Garel-Weiss sarà presente in sala per introdurre il film La fête est finie, storia emozionante del forte legame di amicizia tra due donne all’interno di un centro di recupero e poi all’esterno, ove saranno costrette ad affrontare da sole le tentazioni del mondo reale; alle ore 21.45, Prendre le large di Gaël Morel, la storia di Edith (un’eccezionale Sandrine Bonnaire), “costretta” a trasferirsi in Marocco – e ad affrontare tutte le difficoltà che ne conseguiranno – per mantenere il proprio posto di lavoro.

Genesis 2.0 di Christian Frei e Maxim Arbugaev (Svizzera, Cina, Russia, Corea del Sud, Stati Uniti, 2018, 112’) premiato al Sundance Film Festival

La programmazione presso il cinema MultiAstra prevede, invece: alle ore 17.30, il giapponese Takara – La nuit où j’ai nagé di Damien Manivel e Kohei Igarashi, racconto per immagini del viaggio di un bambino in un paesino giapponese avvolto dall’inverno per consegnare un disegno al padre; alle ore 19.30, il film Genesis 2.0, che vede il regista Christian Frei (già nomination all’Oscar del 2002 per il documentario War Photographer) raccontare come la scoperta di una carcassa di mammut perfettamente conservata stia dando il via a inquietanti scenari alla Jurassic Park per la ricreazione del leggendario animale preistorico. Alle ore 21.45, infine, la regista Martina Melilli sarà in sala per presentare il film (sempre in Concorso) My Home, in Libya, un viaggio nella memoria della Libia italiana e nella Tripoli di oggi, vista attraverso gli occhi (e gli sms) di un ragazzo libico.

Lo Spazio Detour, sito di fronte al cinema PortoAstra, ospiterà la seconda lezione di viaggio: alle ore 17.30, Alberto Cancian, ideatore e direttore di PordenoneViaggia, presenterà il suo libro, The Journey of Joy. The Journey of Joy è il viaggio della felicità nei suoi due significati: è il percorso di un essere umano, che esplora i meandri dell’Amazzonia e di se stesso alla ricerca della felicità, ma è anche il viaggio della felicità stessa, che si manifesta al cercatore nel senso intimo di ogni esperienza. L’incontro è ad ingresso libero.

Molti gli incontri in programma nelle librerie partner del Festival: alle ore 16.00, presso Fumetti & Soda, Claudio Calia presenta il suo nuovo fumetto Kurdistan. Dispacci dal fronte iracheno, un diario di viaggio nato da un’esperienza diretta in Iraq a fianco degli operatori di una ONG; alle ore 16.30, presso la libreria Limerick, Rosaria Zago e BasBleu Illustration propongono un laboratorio di disegno e collage per bambini a caccia di stelle, comete, animali dello zodiaco e tante altre cose magiche. L’ispirazione arriverà dall’omonima guida per ragazzi che percorre i luoghi culturali e artistici della città. Prenotazione obbligatoria. Il contributo per il laboratorio è di 15€ e comprende il libro. Alle ore 17.00, la Libreria per ragazzi Pel di Carota ospiterà l’illustratore cinese (francese d’adozione) Chen Jiang Hong, che presenterà il suo ultimo albo illustrato Il piccolo pescatore e lo scheletro. Incontro per grandi e piccini, realizzato in collaborazione con la casa editrice Camelozampa. La prenotazione è obbligatoria; Alle ore 17.30, presso la Libreria Pangea, Paolo Ciampi presenta il libro L’ambasciatore delle foreste, dedicato alla figura di George Perkins Marsh.

Gran finale in musica al Circolo Nadir a partire dalle ore 22.00 con la serata Vinyl Safari, un dj set all’insegna di dischi rarissimi provenienti da tutto il mondo. Con un ospite speciale proveniente dall’altra sponda dell’Oceano Atlantico: il canadese Philippe Noël, dj e collezionista di dischi che ha fondato nel 2009 a Montreal (Canada) una delle serate tropicali più longeve del mondo, Canicule Tropicale.

Mirai (Animazione, Giappone 2018, 98′) Regia di Mamoru Hosoda

La giornata di domenica 31 marzo prenderà il via alle ore 11.00 al cinema PortoAstra con una proiezione a ingresso libero (fino ad esaurimento posti) dedicata ai piccoli fan del Festival: Mirai, film di animazione giapponese candidato all’Oscar per l’animazione nel 2019, un viaggio nello spazio e nel tempo, tra realtà e fantasmagoria. Una storia che piacerà ai bambini e non mancherà di sedurre anche i più grandi.

Nel pomeriggio, verranno proiettati il film Complicity (Concorso Internazionale, ore 15.30) e, alle ore 18.00, il film Meeting Gorbachev una lunga intervista del leggendario filmmaker Werner Herzog all’ex leader sovietico Gorbaciov, un uomo che cambiò il corso della Storia. Una riflessione ricca di calore e umorismo per un meraviglioso affresco della fine del ventesimo secolo.

Meeting Gorbachev (Gran Bretagna USA, Germania 2018) Regia di Werner Herzog

Alle ore 21.00, il Cinema PortoAstra accoglierà la cerimonia di premiazione, durante la quale verranno assegnati i premi ufficiali del Festival. Ospiti speciali della serata saranno l’attore Fabrizio Bentivoglio e il direttore della fotografia Alessandro Pesci, che riceveranno il premio speciale “Padova incontra il cinema”. Seguirà la proiezione di un grande classico: La lingua del santo di Carlo Mazzacurati, girato a Padova proprio vent’anni fa: un titolo scelto per omaggiare la città di Padova, nella quale il film è interamente ambientato, e Fabrizio Bentivoglio, protagonista del film assieme ad Antonio Albanese, ma anche per ricordare il regista Carlo Mazzacurati a cinque anni dalla scomparsa.

Alle ore 16.00, lo Spazio Detour ospiterà la terza lezione di viaggio: la guida all’ascolto No hay caminos, hay que caminar, curata dal Centro d’Arte degli Studenti dell’Università di Padova, che ci permetterà di viaggiare, all’aperto o “autour de notre chambres” attraverso una studiatissima selezione musicale. Ingresso libero.

Sempre alle ore 16.00, presso la Libreria per ragazzi Pel di Carota, Daniele Fior, autore e editore di Locomoctavia audiolibri, presenterà Il giornalino di Gian Burrasca nella sua nuova edizione sonora. Un viaggio alla (ri)scoperta delle avventure del monello più famoso della nostra letteratura; un incontro rivolto ai piccoli e grandi dai 6 ai 99 anni. La prenotazione è obbligatoria.

L’edizione 2019 di Detour. Festival del Cinema di Viaggio è realizzata con il contributo del Comune di Padova e del Comune di Abano Terme, con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e in collaborazione con Intesa Sanpaolo. Sponsor del progetto sono l’Associazione Albergatori Termali Abano Montegrotto, L’Image, Birrificio Antoniano, Printmateria, R&nt, Grafica Atestina e Imago Magica. Il Festival si avvale del patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali, della Regione del Veneto, dell’Università degli Studi di Padova e del Sindacato nazionale dei Critici Cinematografici.

Per informazioni

www.detourfilmfestival.com

Condividi