Taverna Maderna: i primi concerti

Tre concerti vicini per dare inizio alla stagione 2019/2020 di «Taverna Maderna», nuova associazione di compositori e sound-artists volta ad incoraggiare la creazione e la diffusione della musica del presente. Si inizierà il 30 Novembre a Padova, Teatro Torresino con RITMØ3, un trio di percussioni: in programma composizioni di Mark Applebaum, Giorgio Battistelli, Thierry De Mey, Simone Tessari, e due brani composti per l’occasione da Leonardo Mezzalira e Alberto Anhaus. Il concerto verrà replicato il 1 Dicembre a Bassano del Grappa (VI) al Ridotto del Teatro Remondini. La stagione proseguirà il 4 Dicembre al Circolo Nadir di Padova con una performance del clarinettista brasiliano Bruno Cunha con elaborazione elettronica del suono.

Tre giovani percussionisti. Uno strumentario che comprende tamburi, piatti, grancassa ma anche un trapano, una macchina da scrivere, un mazzo di carote. E poi luci, scene, suoni elettronici elaborati dal vivo. Con questi ingredienti prenderà il via Sabato 30 Novembre alle 18.00 al Teatro Torresino l’attività dell’associazione «Taverna Maderna», nuova compagine che riunisce giovani compositori, interpreti e musicologi padovani e si propone di portare in città e in altri centri del Veneto le migliori espressioni della musica di ricerca degli ultimissimi anni.

Ad esibirsi saranno Andrea Zamengo, Alberto Anhaus ed Emanuel Bollotto ovvero RITMØ3: tre musicisti mossi dal desiderio di esplorare il repertorio più recente. Sarà il valore performativo o teatrale a fare da filo conduttore dell’intero spettacolo, con brani come Echolalia di Mark Applebaum, che fa uso di fonti sonore insolite e si avvale dell’elaborazione elettronica dal vivo (che sarà curata da Matteo Polato), o come Trama di Giorgio Battistelli, in cui il percussionista è chiamato a impersonare una sorta di mago ciarlatano. Fortemente gestuali anche Table Music di Thierry de Mey, in cui i tre musicisti sono seduti a un tavolo e ne suonano la superficie secondo uno schema ritmico molto complesso, e Aphasia dello stesso Applebaum in cui l’interprete non produce alcun suono ma si muove alla rincorsa dei suoni elettronici trasmessi dagli altoparlanti. Accanto a questi brani di repertorio verrà eseguito un brano recentissimo, Capeo col frontìn di Simone Tessari, giovane eclettico compositore padovano, e vi saranno anche due prime assolute: Proclama di Leonardo Mezzalira e Ars interpretation di Alberto Anhaus.

Un programma movimentato e variopinto che verrà replicato il giorno successivo, Domenica 1 Dicembre 2019 alle 18.00 al Ridotto del Teatro Remondini a Bassano del Grappa (VI). Al termine di entrambi i concerti il pubblico sarà invitato a fermarsi per un aperitivo con gli artisti e gli organizzatori.

Da una riflessione sulla performance e su come l’improvvisazionesi può coniugare con la ricerca  compositiva con prende le mosse anche il concerto successivo, che si terrà Mercoledì 4 Dicembre 2019 alle 21.00 e vedrà il clarinettista e compositore brasiliano Bruno Cunha esibirsi sul palco del Circolo Nadir di Piazzetta Gasparotto a Padova. Bruno Cunha costruisce le sue performance come discorsi ipertestuali, ricchi di echi provenienti dagli ambiti più disparati come l’antropologia, l’etnografia, la popular music e la cultura brasiliana. Un inizio vario e molto sperimentale per le attività dell’associazione «Taverna Maderna», che proseguiranno nei mesi successivi, esplorando repertori recenti e collaborando con artisti giovani e di grande talento.

CHI È TAVERNA MADERNA

Taverna Maderna è un luogo di incontro, scambio e condivisione fra tutti e tutte coloro che seguono, compongono, suonano, studiano e ascoltano la musica di oggi. Un’idea che è maturata nel corso degli anni dalla scoperta e dall’ascolto della nuova musica, della musica di ricerca, dell’arte sonora che parla del tempo presente. Musica che vuol essere espressione della personalità di chi la crea, ma anche opera collettiva di rispecchiamento e indagine della realtà, processo intenso che interagisce con il presente e lo trasforma. Perché, come ha detto Luciano Berio, le idee capaci di manipolare i suoni «sono fatte della stessa pasta delle idee che muovono il mondo».

Per informazioni
info@tavernamaderna.it
facebook.com/tavernamaderna
instagram: taverna.maderna

Scarica il comunicato stampa
Scopri l’Associazione Taverna Maderna