Oleg Vereshchagin e I Solisti Veneti in concerto a Montagnana

Oleg Vereshchagin

Oleg Vereshchagin e I Solisti Veneti in concerto a Montagnana

Sabato 12 aprile, il fisarmonicista russo e l’orchestra di Claudio Scimone saranno i protagonisti del secondo concerto di Pasqua promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo

Prosegue con il secondo appuntamento il ciclo di concerti dedicati alla Pasqua, promossi e organizzati dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e affidati a due affermate compagini orchestrali padovane: l’Orchestra di Padova e del Veneto e I Solisti Veneti.

Sabato 12 aprile 2014, ore 21, il Duomo di Montagnana (PD) ospiterà I Solisti Veneti, diretti da Claudio Scimone. L’orchestra, giunta al prestigioso traguardo dei 55 anni di attività, accompagnerà un solista d’eccezione, il fisarmonicista russo Oleg Vereshchagin, in un programma che proporrà alcune delle più note partiture sacre e strumentali composte tra il Settecento e i giorni nostri.

Ad aprire il concerto saranno quattro preludi di altrettante cantate di Johann Sebastian Bach. Seguiranno due capolavori strumentali del Settecento veneziano: la Sonata a quattro “Al Santo Sepolcro” RV 130 di Antonio Vivaldi e il Concerto in do minore per oboe e archi di Alessandro Marcello, oboe solista Paolo Grazia. Tre le composizioni che vedranno protagonista il grande fisarmonicista Oleg Vereshchagin: Tema e Variazioni in do maggiore per fisarmonica sola (trascrizione dal pianoforte) di Wolfgang Amadeus Mozart, il famoso Adagio in sol minore  attribuito a Tomaso Albinoni e il De Profundis per fisarmonica sola di Sofija Asgatovna Gubajdulina, compositrice russa contemporanea, premiata nel 2013 con il Leone d’oro alla Carriera della Biennale di Venezia. L’appuntamento si chiuderà con due celebri brani  da Le Sette Parole di N. S. Gesù Cristo sulla Croce, che Franz Joseph Haydn compose attorno al 1786 su commissione di un canonico della città spagnola di Cadice per le cerimonie del Venerdì Santo.

Nato a Saransk, Oleg Vereshchagin inizia giovanissimo lo studio della fisarmonica, chiamata in Russia bayan, diplomandosi nel 1995. In questo periodo partecipa a numerosi concorsi nazionali, classificandosi sempre ai primi posti, e successivamente supera l’esame di ammissione all’Accademia Gnessin di Mosca, dove si laurea nel 2002. Nell’ambito della collaborazione culturale e scientifica tra Italia e Russia viene scelto per proseguire i suoi studi musicali al Conservatorio di Bari e quindi al Conservatorio di Milano. In Italia vince nel 2001 il concorso Euterpe e il concorso Corelli e si afferma al prestigioso Premio Gazzelloni di Udine, organizzato in collaborazione con la RAI. Nell’ottobre di quello stesso anno, a Milano, vince l’XI Concorso nazionale per l’attribuzione di cinque borse di studio ai migliori allievi dei Conservatori italiani, bandito dalla Società Umanitaria. Nel 2004 vince il concorso di Interpretazione di Musica Contemporanea “Premio Città di Gioia del Colle”, organizzato dalla S.I.A.E. Suona la fisarmonica “Jupiter” costruita appositamente per lui dall’omonima fabbrica di Mosca. Ha trascritto per fisarmonica diversi brani del repertorio organistico, pianistico e orchestrale, tra cui Le quattro stagioni di Vivaldi. Ha effettuato numerose registrazioni per emittenti radiotelevisive in Russia e in Italia.

Diretti da Claudio Scimone, I Solisti Veneti sono l’orchestra da camera italiana più nota nel mondo anche per molteplicità e interesse delle iniziative culturali, editoriali e promozionali. Hanno tenuto quasi 6.000 concerti in più di 80 Paesi e partecipano regolarmente ai massimi festival internazionali. Sono stati insigniti dei più importanti riconoscimenti, tra cui il Premio Grammy di Los Angeles e il particolarissimo premio del Festival Bar del 1970 con 350.000 voti di pubblico giovanile; hanno ricevuto dalla Repubblica Italiana la medaglia d’oro dei benemeriti della scuola, dell’arte e della cultura. Hanno registrato oltre 300 DVD, CD, LP per etichette come Erato-WEA, BMG-RCA, Philips, Frequenz. Con i Solisti Veneti collaborano i più grandi interpreti internazionali, da Placido Domingo ad Andrea Bocelli.

I prossimi concerti di Pasqua si terranno martedì 15 e mercoledì 16 aprile 2014, rispettivamente all’Abbazia di Praglia (PD) e al Santuario del Pilastrello a Lendinara (RO), con l’Orchestra di Padova e del Veneto e due solisti internazionali del calibro di Geir Draugsvoll (bayan) e David Geringas (direttore e violoncello solista).

Tutti i concerti sono a ingresso libero e gratuito fino a esaurimento dei posti.

Per informazioni:
Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo
Tel. 345 7154654