La mia Etiopia. Appunti disordinati di un volontario

«È una storia di sport e di vita raccontata con delle foto, tutte realizzate con un smartphone, ma anche con video e colonne sonore»

Ampezzano, giornalista documentarista, Andrea Gris nel dicembre 2013 incontra ed entra a far parte della Onlus padovana “Amici di Adamitullo” visitando per la prima volta l’Etiopia e cominciando fin da subito ad aiutare i ragazzini che vivono nei quartieri più degradati di Addis Abeba.

Lo fa – con il supporto dei Padri Salesiani del Don Bosco Children – anche attraverso la pallacanestro. Il Cortina Basket Bosco Children (questo il nome della squadra) non potrebbe mai sfidare una compagine di qualche college americano, ma qui la posta in palio è molto più importante. Togliere dalle strade, e dal carcere minorile, degli adolescenti che hanno sempre vissuto tra droga, violenza e miserie, restituendo loro un briciolo di gioia di vivere e di speranza nel futuro. È il caso, ad esempio, di Yonas, riportato a casa, dalla sua mamma, dopo quasi tre anni trascorsi tra mille espedienti, chiedendo l’elemosina e scappando da tutto e da tutti.

Tutto questo in collaborazione e grazie agli “Amici di Adamitullo”, onlus padovana impegnata da tempo a sostenere le attività scolastiche di una missione salesiana che si trova a circa tre ore di macchina dalla capitale etiope. Un impegno solidale iniziato nel 2008, quando un gruppo di amici decise di partecipare alla maratona di Dubai. Ognuno di loro, in base al piazzamento ottenuto, avrebbe contributo, con quote diverse, alla raccolta dei fondi necessari per costruire un pozzo d’acqua in Etiopia. Vennero raccolti 10.000 dollari e consegnati a Padre Cesare Bullo, missionario salesiano che da oltre 30 anni si prodigava per i più bisognosi nel Corno d’Africa.

Da allora l’impegno della Onlus non è mai venuto meno. Migliaia di bambini hanno così l’opportunità di studiare grazie alla solidarietà di chi è più fortunato di loro.

E anche una mostra fotografica come questa – curata da Alberto Bregani e realizzata anche grazie alla collaborazione di Fondazione Antonveneta e al prezioso sostegno di Antonveneta-MPS, con il patrocinio del Comune di Padova, può servire a sensibilizzare tutti su simili tematiche.

La mostra è realizzata con il Patrocinio del Comune di Padova in collaborazione con Fondazione Antonveneta con il contributo di Antonveneta – MPS

La mia Etiopia – Appunti disordinati di un volontario
Dal 12 aprile al 10 maggio 2017, tutti i giorni dalle 10,00 alle 19,00
Centro Culturale Altinate-San Gaetano Via Altinate, 71 – Padova

Ingresso libero e gratuito

Ulteriori informazioni: www.amicidiadamitullo.org

Condividi