Il Festival Corti a Ponte entra nel vivo

Corti a Ponte – 12° festival internazionale di cortometraggi
dai 3 ai 99 anni
Ponte San Nicolò, Padova e Legnaro

Una settimana di proiezioni, workshop e meeting internazionali dedicati all’educazione cinematografica di bambini e ragazzi.

Scarica il comunicato stampa

Entra nel vivo “Corti a Ponte”, festival internazionale di cortometraggi organizzato dall’omonima associazione di promozione sociale che nel 2018 ha visto superare i 2000 spettatori, per un evento unico nel suo genere in Italia, attento anche a giovani e giovanissimi, intesi sia come spettatori sia come autori, a partire dai 3 anni di età.

L’inaugurazione ufficiale del Festival si terrà martedì 7 maggio alle 18.00 nell’atrio del Municipio di Ponte San Nicolò (PD), L’evento, aperto ad un pubblico “dai 3 ai 99 anni”, come recita il claim di “Corti a Ponte” vedrà ospite, oltre alle Autorità e agli organizzatori, anche Nicoletta Bertelle, illustratrice di libri per l’infanzia e autrice dell’immagine di Corti a Ponte 2019, che metterà in mostra i disegni da lei creati per illustrare la sigla animata, protagonista anche del “Concorso colonne sonore”, sezione competitiva aperta a musicisti e rumoristi, chiamati a sonorizzarla.

Nicoletta Bertelle

Gli appuntamenti del Festival inizieranno tuttavia già nel primo pomeriggio, dalle 15.00 alle 18.00, al Centro Culturale “Rigoni Stern” di Ponte San Nicolò, con la prima data del workshop di animazione “Animated photo stories from old Bulgaria” dedicato ai giovani dai 10 ai 14 anni. Radostina Neykova – animatrice, illustratrice, professore associato alla Bulgarian Academy of Science e docente di Dramaturgy of Animated Film alla National Academy for Theatre and Film Art di Sofia – insegnerà ai partecipanti a raccontare storie animando vecchie fotografie ritagliate. Gli altri incontri si terranno, negli stessi orari, anche mercoledì 8 e giovedì 9 maggio.

A conferma della propria volontà di diffondere la cultura e la fruizione della Settima Arte, “Corti a Ponte” ospiterà alle 21.00, sempre al Centro Culturale “Rigoni Stern”, la conferenza di Jacqueline Cosgrove del Wide Angle Film Festival (Sidney, Australia), festival itinerante, costruito secondo i principi dell’accessibilità universale. Il tema che verrà affrontato è quello de “Il Cinema Accessibile” che declina in ambito cinematografico una nuova prospettiva culturale che mette in discussione alcune convinzioni stereotipate che trattano il tema della accessibilità universale come una disciplina riservata a pochi esperti e alle persone con disabilità.

Mercoledì 8 maggio alle 20.00 iniziano nella Sala civica Unione Europea (Viale del Lavoro – Ponte San Nicolò (PD) le proiezioni vere e proprie delle sezioni competitive del festival che dureranno fino a sabato 11 maggio, serata dedicata alle premiazioni. Ogni appuntamento inizierà con le opere cinematografiche realizzate da autori in erba. Questi ultimi sono appunto i giovanissimi artisti protagonisti di “3.20” e “3.20 Km0” sezioni dedicate ai cortometraggi prodotti da bambini e ragazzi di tutto il mondo dai 3 ai 20 anni di età. Nell’edizione 2019 sono stati visionati circa 400 cortometraggi fatti dai ragazzi, provenienti da 49 paesi diversi I premi saranno attribuiti da giurie senior e junior, composte da studenti delle scuole (dai 5 ai 19 anni) che hanno seguito un percorso di critica cinematografica.

A partire dalle 21.15 inizieranno le proiezioni della sezione ufficiale dedicata ai cortometraggi, che saranno sottoposti agli occhi attenti della giuria composta quest’anno dalla sceneggiatrice e regista Mariachiara Manci, vincitrice con il cortometraggio Bagaglio in eccesso (2015) del Premio Mattador per la sceneggiatura e del premio alla Miglior Regia al festival Salento Finibus Terrae. Con L’estremo saluto (2018) ha vinto il premio alla Miglior Sceneggiatura al Pordenone Film Festival. Insieme a lei il filmaker Marco Zuin, autore di cortometraggi e documentari sociali selezionati in numerosi Festival nazionali e internazionali e Marco Trevisan, organizzatore di Euganea Film Festival.

Tra gli appuntamenti collaterali del Festival, giovedì 9 maggio troviamo alle ore 18.00 al Centro Culturale “Rigoni Stern” un incontro con gli autori della sezione ufficiale del festival che presenteranno il processo di produzione della loro opera e risponderanno alle domande dei presenti. Ospiti dell’incontro saranno Radostina Neykova, regista di “Ugly fairy tale” (Bulgaria 2017), cortometraggio di animazione, i cui fotogrammi sono stati ricamati a mano su stoffa, uno per uno; e Alexandre De Villeneuve, distributore di “Carlito Leaves Forever” (2018 – Peru – 8 min), cortometraggio girato nella foresta amazzonica da Quentin Lazzarotto sotto l’egida di Werner Herzog.

Dopo un venerdì 10 maggio dedicato alle proiezioni, la mattina di sabato 11 maggio “Corti a Ponte” si sposterà a Padova dove, alle 10.00 nella sede del Barco Teatro (Via Orto Botanico, 12) inizierà l’“Internazional meeting for film education”, momento di incontro, scambio e confronto tra tutte le persone coinvolte a vario titolo nell’educazione cinematografica di bambini e ragazzi. Il meeting mira alla condivisione delle buone pratiche, a mettere in luce la conoscenza delle difficoltà e delle opportunità dei diversi paesi e vuole essere di stimolo alla collaborazione internazionale. Obbiettivi che “Corti a Ponte” persegue già dalla sua fondazione e che lo ha portato a partecipare attivamente al dibattito internazionale sull’educazione al cinema e al dialogo con diverse associazioni e festival internazionali che operano in questo ambito, tra le quali l’Animator fest (Jagodina, Serbia) e il Sydney International Festival of Films by Children (Australia), che sono anche partner del festival. Tra gli ospiti del convegno: Jacqueline Cosgrove, Bardic studio (Sidney, Australia); Radostina Neykova, Bulgarian Academy of Science (Arts Studies), National Academy for Theatre and Film Art, Sofia (Sofia, Bulgaria); Oleg Svobodin, Detective studio (Yaroslavl, Russia); Marija Vulic, Ja Film (Serbia).

Il meeting sarà seguito dalla visita guidata, alle 15.30, all’Orto Botanico di Padova, UNESCO World Heritage Site in quanto rappresenta la culla della scienza, degli scambi scientifici e della comprensione delle relazioni tra la natura e la cultura. La visita guidata è gratuita ma il costo del biglietto d’ingresso è a carico del partecipante (8,00 euro, gratuito per studenti e docenti UNIPD). Max 30 persone. Prenotazione obbligatoria.

Al termine, si torna alla Sala civica Unione Europea di Ponte San Nicolò, dove, a partire dalle 20.00 si terranno le premiazioni della 12° edizione di “Corti a Ponte”, festival internazionale di cortometraggi – dai 3 ai 99 anni.

“Corti a Ponte” è ideato da Corti a Ponte APS e gode del patrocinio della Regione del Veneto, della Provincia di Padova e dei Comuni di Padova, Ponte San Nicolò e Legnaro. E’ organizzato con il sostegno del Comune di Ponte San Nicolò, del MIUR e del MIBAC nell’ambito del Piano Nazionale Cinema per la Scuola, con la collaborazione dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Padova, del Comune di Padova, del Polo Multifunzionale di Agripolis, dell’Associazione Kinima di Padova, dell’Associazione Vite in viaggio, del CIAS – Coordinamento Italiano Audiovisivo a Scuola, di Agiscuola Tre Venezie. Partner dell’iniziativa sono il Comune di Ponte San Nicolò, l’Istituto Comprensivo di Ponte San Nicolò, il Liceo Artistico “Modigliani” di Padova, l’Istituto Comprensivo di Legnaro, la Scuola dell’infanzia di Roncaglia, Animator fest (Jagodina, Serbia), The Sydney International Festival of Films by Children (Australia).

Sito ufficiale del Festival: https://www.cortiaponte.it

Per informazioni
Corti a Ponte Associazione di Promozione Sociale – Ponte San Nicolò
info@cortiaponte.it

Condividi