Bach, Sonate e Partite: una storia biblica

Si conclude sabato 11 dicembre 2021 all’Auditorium “Lo Squero” della Fondazione Giorgio Cini a Venezia, l’integrale delle Sonate e Partite per violino di Johann Sebastian Bach eseguite da Mario Brunello al violoncello piccolo. Alcuni dei brani più commoventi del compositore tedesco, tra cui la celebre Ciaccona in re minore, eseguiti su uno strumento di rarissimo ascolto e presentati nel contesto di una sorta di «storia biblica» che svela i legami profondi delle Sonate e Partite con la liturgia e la teologia protestante.

Con il penultimo appuntamento della stagione musicale all’Auditorium “Lo Squero” della Fondazione Giorgio Cini sull’isola di San Giorgio Maggiore a Venezia sabato 11 dicembre 2021 alle 16,30 si conclude l’integrale delle Sonate e Partite per violino di Johann Sebastian Bach eseguite da Mario Brunello al violoncello piccolo.

Durante il concerto il celebre musicista veneto eseguirà alcuni dei brani più commoventi del compositore tedesco su uno strumento di rarissimo ascolto, presentandoli nel contesto di una sorta di «storia biblica» che svela i legami profondi delle Sonate e Partite con la liturgia e la teologia protestante.

Una sorta di «storia biblica»

Registrata nel 2019 per l’etichetta francese Arcana e riproposta per la stagione organizzata da Asolo Musica – Veneto Musica nello splendido Auditorium con vista sulla laguna, la versione di Brunello del ciclo bachiano ha avuto da subito uno straordinario successo. Merito della maestria di Brunello e della voce particolarissima dello strumento, copia esatta di un Amati di inizio Seicento, il cui suono ricorda il timbro androgino e penetrante del controtenore.

In programma per questo secondo appuntamento la Partita n. 2 in re minore BWV 1004, la Sonata n. 3 in do maggiore BWV 1005 e la Partita n. 3 in mi maggiore BWV 1006, a cui Brunello accosta rispettivamente i sottotitoli «La passione», «Resurrezione» e «Mondo Celeste».

L’esecuzione al violoncello piccolo alternando Sonate e Partite

Si tratta dell’ultima parte di un ciclo organizzato in modo piuttosto rigoroso, con l’alternanza tra Sonate (da chiesa) e Partite (profane) e una progressione che dal mondo scuro delle tonalità minori giunge infine a quello, luminoso, del maggiore.

Con alcune isole misteriose: è il caso della Ciaccona posta a conclusione della Partita n. 2, uno dei grandi misteri della produzione di Bach, poiché è un brano di dimensioni inaudite di cui si ignorano i moventi e la funzione. Circostanze sulle quali però forse si può soprassedere, per ascoltare uno dei brani più potenti e laceranti della storia della musica.

La stagione musicale, organizzata da Asolo Musica in collaborazione con la Fondazione Giorgio Cini, è realizzata con il contributo di MIC – Ministero della Cultura, Regione Veneto e sostenuta dal GRUPPO PRO-GEST, CentroMarca Banca, Hausbrandt Caffè, Zanta Pianoforti e Zoogami.

La sicurezza

L’accesso all’Auditorium “Lo Squero” sarà regolato secondo la normativa AntiCovid con obbligo della mascherina chirurgica o ffp2 e del Green Pass.

Per tutti gli spettacoli è possibile acquistare il biglietto sul sito www.boxol.it/auditoriumlosquero/ oppure il giorno del concerto presso la biglietteria de “Lo Squero” aperta dalle ore 15.30.

Auditorium “lo Squero”
Fondazione Giorgio Cini – Isola di San Giorgio Maggiore – Venezia
Stagione concertistica 2021
Tutti i concerti avranno inizio alle 16.30
Acquisto dei biglietti su www.boxol.it/auditoriumlosquero

Info Asolo Musica
0423 950150
info@asolomusica.com 
www.asolomusica.com

Un pensiero su “Bach, Sonate e Partite: una storia biblica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.