A Belluno arriva la 28.Settimana Internazionale della Critica della Mostra del Cinema di Venezia

LA REGIONE DEL VENETO PER IL CINEMA DI QUALITA’
IL DECENTRAMENTO DEI FILM DELLA
SETTIMANA INTERNAZIONALE DELLA CRITICA NELLE CITTÁ DEL VENETO

23 settembre – 07 ottobre 2013
Cinema d’essai di Padova, Rovigo, Belluno, Vicenza, Asiago, Treviso, Verona

A Belluno in proiezione gratuita una selezione dei film della 28. Settimana Internazionale della Critica della Mostra del Cinema di Venezia.

Mercoledì 25 settembre al Cinema Italia di Belluno saranno fruibili gratuitamente due opere proposte quest’anno nella sezione Settimana Internazionale della Critica della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

“Las niñas Quispe”, Sebastián Sepúlveda

Mercoledì 25 settembre gli appassionati di cinema di Belluno potranno recarsi, al Cinema Italia (Via Giuseppe Garibaldi, 8), sala cinematografica aderente alla Federazione Italiana Cinema d’essai delle Tre Venezie per godere di opere artisticamente qualificate di giovani autori esordienti, a pochi giorni dalla loro presentazione alla 28. Settimana Internazionale della Critica alla Mostra del Cinema di Venezia.

Si rinnova anche quest’anno, infatti, la collaborazione, che la Regione del Veneto ha avviato a partire dal 2005 con il Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani e la Federazione Italiana Cinema d’essai delle Tre Venezie, per il decentramento delle opere proposte nella sezione Settimana Internazionale della Critica della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia nelle principali sale cinematografiche d’essai nelle province del Veneto.

«Anche in questa nona edizione, -afferma Filippo Nalon, Presidente Fice Tre Venezie“Le Giornate della Mostra” aprono al meglio la stagione d’essai delle sale coinvolgendo varie città e località venete offrendo al pubblico un’occasione preziosa per vedere opere di registi esordienti altrimenti difficilmente visibili ma di inconfutabile e certa qualità. Un’occasione importante, tra le tante messe in campo in questi anni dalla Fice, nonchè una pratica concreta per costruire un decentramento che sappia intrecciare e far crescere l’offerta culturale complessiva del territorio regionale».

«L’attenzione posta nel proporre un cinema di registi esordienti e opere prime, di giovani autori e film innovativi sul piano linguistico ed espressivo– sottolinea Marino Zorzato, Vice Presidente e Assessore alla Cultura della Regione del Venetointende stimolare curiosità e riflessione sul cinema, un genere di arte e comunicazione, cui la Regione riconosce indubbio valore come momento di aggregazione e formazione culturale. Il decentramento della 28. Settimana Internazionale della Critica arricchisce anche quest’anno l’articolato programma di attività che la Regione del Veneto dedica al cinema e alla promozione della cultura cinematografica».

“L’Armée du salut”, Abdellah Taïa

L’iniziativa, inserita nel progetto La Regione del Veneto per il Cinema di Qualità, intende, infatti, perseguire l’obiettivo di contribuire alla diffusione della cultura cinematografica, di promuovere il cinema dei registi più giovani, di permettere la visione di importanti opere ad un pubblico più vasto di quello che partecipa alla vetrina lidense, con un’iniziativa che si è affermata negli anni come uno degli appuntamenti più attesi dal pubblico.

Basato su una vicenda realmente accaduta nel 1974 è il film “Las niñas Quispe” di Sebastián Sepúlveda (“Le ragazze Quispe”, Cile, Francia, Argentina 2013, 83′) in prima visione alle ore 20.00. Le sorelle Justa, Lucia e Luciana Quispe conducono una vita solitaria sull’altopiano cileno allevando capre. Un visitatore porta loro notizia di una nuova legge che potrebbe stravolgere il loro stile di vita: questo fatto le porterà a mettere in discussione la loro stessa esistenza e le trascinerà inesorabilmente verso una fine tragica. Il film si è aggiudicato il Premio per la migliore fotografia della 28. Settimana Internazionale della Critica alla Mostra del Cinema di Venezia,  assegnato a Inti Briones.

Alle 21.45 è in proiezione  “L’Armée du salut” (“L’esercito della salvezza”, Francia, Marocco 2013, 81′) di Abdellah Taïa, primo scrittore arabo ad aver pubblicamente dichiarato la propria omosessualità. La pellicola comincia a Casablanca, dove il protagonista Abdellah trascorre le giornate in casa, vivendo con il padre un rapporto conflittuale e di complicità, mentre in strada incontra uomini per occasionali rapporti sessuali. Dieci anni dopo Abdellah abita con l’amante svizzero Jean. Lascia il Marocco per Ginevra, ma decide di troncare la relazione e iniziare da solo una nuova vita, trovando riparo in una casa dell’Esercito della Salvezza.

Tutti i film sono proiettati in lingua originale sottotitolati in Italiano.

Tutte le proiezioni sono ad ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento posti

Per informazioni
FICE Tre Venezie

Piazza Insurrezione n. 10 – Padova
Tel. 049 8750851 – 8753141
Fax 049 8751440
fice3ve@agistriveneto.it