L’Unione Interregionale Triveneta Agis chiede unità di crisi per lo spettacolo veneto

Nel quadro di incertezza e sospensione delle attività per il settore dello spettacolo nel Veneto dato dai decreti per il contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, l’Unione Interregionale Triveneta Agis ha fatto appello alla Regione del Veneto, nelle persone del Presidente Luca Zaia e dell’Assessore Cristiano Corazzari affinché venga attivato un Tavolo Tecnico per analizzare le criticità e ipotizzare quali provvedimenti possano essere addottati nell’immediato a sostegno delle imprese dello spettacolo che operano sul territorio regionale.

Il Veneto continua ad essere la Regione nella quale si rileva la notevole concentrazione di spettacoli e di sale da spettacolo: risultano attive oltre 400 sale cinematografiche e teatrali a cui aggiungere le sale da concerto. Nel 2018 si è registrata una spesa al botteghino di oltre 250 milioni di euro (SIAE) che incide per circa il 15% del totale dei ricavi da biglietteria sul territorio nazionale.

Se anche altri comparti stanno subendo perdite pesanti, come il settore del turismo e quello alberghiero, le attività dello spettacolo risultano ancor più penalizzate avendo subito la chiusura totale degli esercizi.

Franco Oss Noser
Franco Oss Noser

«Al grave danno economico, – conclude Franco Oss Noser, presidente dell’Unione Interregionale Triveneta Agis – si aggiungerà lenorme difficoltà nel riallacciare un rapporto di fiducia con il pubblico, faticosamente costruito in questi ultimi tempi. Inoltre, non è da sottovalutare la funzione dei luoghi dello spettacolo quali centri di aggregazione sociale, di coesione e di sviluppo della cittadinanza attiva. Sottolineiamo tale aspetto perché quando cesserà l’emergenza sarà necessario riattivare il tessuto sociale e culturale anche attraverso la fruizione delle attività dello spettacolo. Sarà pertanto fondamentale prevedere un continuo e costante confronto con i rappresentanti delle imprese per addivenire a decisioni efficaci per il sostegno delle attività».

Nello specifico, le proposte che l’Unione Interregionale Triveneta Agis individua per il Veneto sono: il mantenimento del non aiuto nel regime degli aiuti di Stato; l’estensione delle misure di accesso al credito alle imprese PMI del settore spettacolo; l’azzeramento dell’aliquota regionale IRAP per le imprese di proiezione cinematografica (codice ATECO 59.14) e alle imprese PMI dello spettacolo dal vivo (codici ATECO 90.01 – 90.02 – 90.04) per il triennio 2020/2022; l’anticipazione delle erogazioni sulle Leggi Regionali n. 49/78, n. 52/84, n. 25/2009; l’istituzione di un Fondo straordinario su Legge Regionale n. 52/84 per lo spettacolo dal vivo. Infine, per le sale cinematografiche, con particolare riferimento a quelle d’essai, della comunità e quelle ubicate nei centri minori, lo stanziamento di un Fondo straordinario di sostegno sulla Legge n. 25/2009.

Queste proposte vanno ad aggiungersi a quelle elaborate di concerto con le Unioni Agis di Emilia-Romagna e Lombardia, che, insieme al Veneto dai dati SIAE risultano essere le tre regioni che producono più presenze (Lombardia 9,8 milioni, Veneto 6,7 milioni e Emilia-Romagna 5,6 milioni) e realizzano il valore più elevato di spesa del pubblico (Lombardia 1.174 milioni di euro, Veneto 620 milioni di euro e Emilia-Romagna 499 milioni di euro) su tutto il territorio nazionale. Nello specifico si tratta della moratoria sui mutui in base al Protocollo ABI-Protezione Civile sulle calamità naturali e l’individuazione di strumenti di natura indennitaria per il risarcimento, almeno parziale, dei danni subiti dalle imprese dello spettacolo.

Viene inoltre avanzato l’invito a farsi carico presso il Governo per richiedere la sospensione del pagamento delle rate dei  mutui e leasing per sei mesi con conseguente allungamento del periodo di ammortamento; sostegno a sistema bancario e Cassa Depositi e Prestiti per rafforzare il sistema del credito; alla sospensione di pagamento imposte e contributi per sei mesi con successiva rateizzazione e all’annullamento dell’IMU per il triennio 2020/2022 o sospensione del canone di affitto per almeno sei mesi, nel caso in cui l’impresa gestisca uno spazio di proprietà comunale.

Per informazioni
Tel. 049.8750851-8753141
e-mail agis3ve@agistriveneto.it

Scarica il comunicato stampa

Franco Oss Noser, Presidente Unione Interregionale Triveneta AGIS

Un pensiero su “L’Unione Interregionale Triveneta Agis chiede unità di crisi per lo spettacolo veneto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.