Venezia 73 arriva a Trento in anteprima

banner-trento

LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO
PER IL CINEMA DI QUALITA’
Le giornate della mostra del Cinema di Venezia – Edizione 2016

 Venezia 73 arriva a Trento in anteprima
Film in Concorso, Fuori Concorso, Venice Days-Giornate degli Autori

Dopo il successo delle proiezioni dei Film della Settimana della Critica, prosegue nella Provincia autonoma di Trento la presentazione in anteprima di una selezione dei film proiettati nelle Sezioni ufficiali della 73^ Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia grazie all’edizione 2016 de “Le giornate della mostra del Cinema di Venezia”.

L’iniziativa è realizzata dalla Fice Tre Venezie con il contributo e il patrocinio della Direzione Generale Cinema – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, della Regione del Veneto, delle Province autonome di Trento e Bolzano Alto Adige e della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia e con il contributo dell’Istituto Luce Cinecittà.

Lunedì 17 ottobre al Multisala Astra e martedì 25 ottobre al Multisala Modena di Trento sarà possibile assistere in anteprima nelle sale cinematografiche, alle proiezioni delle opere presentate alla 73^ Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Al Multisala Astra “La ragazza del mondo” (Italia, 2016, 100’) di Marco Danieli, “Nocturnal Animals” (USA, 2016) di Tom Ford e al Multisala Modena “King of the Belgians” (Belgio, Paesi Bassi, Bulgaria, 2016, 94’) di Peter Brosens e Jessica Woodworth. Opere d’autore provenienti da esperienze mature e consolidate nel panorama internazionale. L’ingresso a queste proiezioni di 3 euro.

Martedì 25 ottobre inoltre, alle 21.15 sempre il Multisala Modena, ospiterà la proiezione, alla presenza della regista Valentina Pedicini, di “SIC@SIC – Short Italian Cinema” della Settimana Internazionale della Critica, opere di autrici e autori giovanissimi, in grado di muoversi lungo tutto lo spettro espressivo del cinema contemporaneo. L’ingresso a questa proiezione è libero e gratuito fino ad esaurimento posti.

«Si tratta di un’offerta di altissimo livello che colloca la città di Trento all’interno di un Circuito Triveneto che ha saputo valorizzare le iniziative del territorio ed estenderle progressivamente a tutto il Nord Est – sottolinea Tiziano Mellarini, Assessore alla cultura, cooperazione, sport e protezione civile della Provincia autonoma di Trento -. Orgogliosi di tutto ciò, siamo certi che il pubblico saprà apprezzare un’opportunità unica che colloca Trento alla pari delle maggiori città italiane quanto ad offerta cinematografica di qualità».

«È un rinforzo ad un percorso di qualità cinematografica che le sale Fice di Trento propongono per tutto l’anno con crescente interesse da parte del pubblico – ribadisce Filippo Nalon, Presidente FICE Tre Venezie-. Una possibilità, in questo caso, veramente “esclusiva” che premia il pubblico affezionato e alla continua ricerca di opere stimolanti e di valore».

Lunedì 17 ottobre le proiezioni al Multisala Astra inizieranno alle 19.15 con “La ragazza del mondo” (Italia, 2016, 100’) di Marco Danieli, dalla sezione autonoma Venice DaysGiornate degli Autori della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. Quello di Giulia è un mondo antico e sospeso, fatto di rigore e testi sacri, che esclude con ferocia chi non vi appartiene. Quello di Libero è il mondo di tutti gli altri, di chi sbaglia, di chi si arrangia cercando un’altra possibilità e di chi ama senza condizioni. Quando Giulia incontra Libero scopre di poter avere un altro destino, tutto da scegliere. La loro è una storia d’amore purissima e inevitabile e per i due ragazzi inizia un intenso periodo di vita insieme, scelta che comporterà a Giulia una totale esclusione dal mondo dei Testimoni di Geova al quale appartiene. Libero farà a Giulia il dono d’amore più grande di tutti: la libertà di appartenere al mondo, un mondo nuovo, luminoso e pieno di futuro. Segue, alle 21.15, “Nocturnal Animals” (USA, 2016) di Tom Ford, film in concorso alla Mostra del Cinema. Susan, una mercante d’arte di Los Angeles, conduce una vita agiata ma vuota insieme al marito. Durante un weekend, Susan trova un pacco inaspettato nella cassetta delle lettere. È un romanzo intitolato “Nocturnal Animals”, scritto dal suo ex marito, Edward Sheffield, con cui Susan non ha contatti da anni. Insieme al manoscritto c’è un biglietto di Edward che incoraggia Susan a leggere il libro e a chiamarlo durante la sua visita in città. Sola nel suo letto, di notte, Susan si immerge nella lettura. Il romanzo è dedicato a lei ma il contenuto è violento e devastante. Susan vede sempre più chiaramente come quel libro sia il racconto di una vendetta, che la costringe a rivalutare le scelte fatte e risveglia in lei una capacità di amare che temeva di aver perso. Il biglietto per singola proiezione è di 3 euro.

Dalla Sezione Orizzonti arriva il primo film in cartellone martedì 25 ottobre alle 19.15 al Multisala Modena: “King of the Belgians” (Belgio, Paesi Bassi, Bulgaria, 2016, 94’) di Peter Brosens e Jessica Woodworth. Il Re Nicola III è una persona sola, che ha la sensazione di vivere una vita non sua. Insieme ad un regista inglese, Duncan Lloyd, incaricato dal Palazzo di ravvivare l’ingrigita immagine della monarchia, parte per una visita di Stato a Istanbul. Proprio allora arriva la notizia che la Vallonia, la metà meridionale del Belgio, si è dichiarata indipendente. Il Re non si perde d’animo e decide di tornare di corsa per salvare il suo regno. Ma proprio mentre stanno organizzando il rientro, si scatena una tempesta solare che mette fuori uso le comunicazioni e il traffico aereo. A peggiorare le cose, la sicurezza turca respinge seccamente la proposta del Re di tornare via terra. Ha inizio così un’odissea attraverso i Balcani sotto mentite spoglie, un viaggio carico di imprevisti, incontri inaspettati e momenti di pura euforia. Il biglietto per singola proiezione è di 3 euro.

Chiude la rassegna “Le giornate della mostra del Cinema di Venezia”, alle 21.15, sempre al Multisala Modena, ad ingresso gratuito, “SIC@SIC – Short Italian Cinema” della Settimana Internazionale della Critica, opere di autrici e autori giovanissimi, in grado di muoversi lungo tutto lo spettro espressivo del cinema contemporaneo. Alla presenza della regista Valentina Pedicini sarà proiettato in sala “Era ieri” (Italia, 2016, 15’). Giò è una ragazza di 13 anni che vive nel sud Italia. È a capo di una banda di ragazzi ed è segretamente innamorata della giovane Paola. È pronta a competere con i rivali maschi pur di conquistare il suo cuore. Poi, l’ultimo giorno d’estate, l’innocenza volge al termine. Seguiranno le proiezioni di “Alice” (Italia, 2016, 14’) di Chiara Leonardi. Chiara ha solo 7 anni quando comincia a filmare la sua famiglia. E ne ha 12 quando decide di smettere. Quello è l’anno in cui la sorella maggiore, Francesca, si ammala. È allora che l’immagine della “famiglia perfetta” comincia a spezzarsi, a disintegrarsi. “Atlante 1783” (Italia, 2016, 20’) di Maria Giovanna Cicciari. Alla fine del ‘700 una grossa parte del territorio calabrese fu colpita da un gigantesco terremoto. La memoria di questo evento lontano è fatta di segni concreti come le ferite bianche sui crinali delle montagne e i resti di un centro abitato che nei secoli ha guadagnato una nuova vita, ma anche di immagini e presenze invisibili che in varie forme tornano, si intrecciano e si manifestano. “Colazione sull’erba” (Italia, 2016, 14’) di Edoardo Ferraro. In una boscaglia qualsiasi dell’entroterra marchigiano si sta svolgendo un rave. Una famiglia di contadini del luogo si barrica in casa, ma ciò non impedisce al loro figlioletto di scappare e di seguire tre giovani ravers diretti alla festa e in cerca di un amico disperso. “Dodici pagine” (Italia, 2016, 13’) di Riccardo Caruso, Roberto Tenace, Luigi Lombardi e Elisabetta Falanga. Tutto accade in un luogo circoscritto: un teatro posizionato su un quadrato di terra invernale. Lo spazio del racconto rappresenta la memoria di Pinuccia: un flusso d’immagini continuo, dove gli spazi variano nel tempo dell’immaginazione mentale. Buchi scavati nella terra che si sostituiscono a stanze, trasformazioni improbabili, ruoli e personaggi mutevoli. In questa terra d’immaginazione s’inciampa facilmente, perdendosi come Pinuccia in un flusso che ha poco di concreto o logico.  “Notturno” (Italia, 2016, 15’) di Fatima Bianchi. Un gruppo di donne cieche parla e si racconta, facendo riaffiorare il proprio modo di vedere attraverso la memoria sensoriale, il canto e il sogno: un paesaggio immaginario ai limiti dell’oscurità ricostruito attraverso le loro voci.  “Vanilla” (Italia, 2016, 13’) di Rossella Inglese. Denise è un’adolescente strappata dalle braccia del padre, con il quale ha una relazione sessuale consenziente. La ragazza viene trasferita in una comunità alloggio, affidata a persone che vogliono darle una protezione della quale lei non sente il bisogno. Si chiude in se stessa, consapevole di non poter essere compresa dagli altri.

Tutti i film stranieri sono proiettati in lingua originale sottotitolati in Italiano.

L’elenco completo delle proiezioni è disponibile al link:
legiornatedellamostra.agistriveneto.it

Per informazioni
Fice Tre Venezie
tel. 049 8750851
fice3ve@agistriveneto.it