OPV: Nuove “prospettive” per il 2017

In occasione del concerto di Natale organizzato alla Basilica del santo il vice presidente Vittorio Trolese e il direttore artistico Marco Angius approfittano, in una conferenza stampa organizzata in sede OPV, per trarre un bilancio artistico sull’anno che sta per passare e raccontare le novità del 2017.

«Quello di oggi non è un momento istituzionale – spiega Vittorio Trolese–  ma un momento di festa, occasione per ringraziare tutti coloro che in un modo o nell’altro dedicano impegno e sacrificio all’OPV. A tutti loro estendo i miei personali migliori e sentiti auguri per un buon e Santo Natale nella prospettiva anche di un prospero e gioioso nuovo anno 2017»

Il Vicepresidente Trolese, ricorda con soddisfazione che il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo ha premiato l’Orchestra di Padova e del Veneto assegnando il massimo contributo per l’attività 2016, riconoscendo sia il valore e l’originalità della programmazione del M° Marco Angius, Direttore musicale e artistico di OPV, quanto i risultati quantitativi raggiunti, in termini di volumi di attività e di lavoro sul pubblico.

Ancora, ricorda il Vicepresidente, lo scorso luglio è stato siglato un protocollo di intesa tra la Fondazione Orchestra di Padova e del Veneto, e Arteven, Associazione regionale per la promozione e diffusione del Teatro e della Cultura nelle Comunità Venete.

«L’accordo OPV-Arteven – prosegue Trolese – vuole dar vita ad un più stretto coordinamento delle reciproche attività, impegnandosi a collaborare per individuare linee guida comuni per lo sviluppo della cultura e dello spettacolo musicale nel territorio veneto consentendoci di realizzare appieno la nostra forte connotazione territoriale».

L’attività dell’Orchestra di Padova e del Veneto spiega Marco Angius, riprenderà nel gennaio 2017 con i concerti della Stagione in corso a partire da giovedi 12 con un programma interamente dedicato alla Spagna (musiche di Falla, Berio e Rimsky-Korsakov), per proseguire con gli appuntamenti previsti dal programma del Suono molteplice: Giovanni Battista Rigon (Saint-Saens con Palazzetto Bru Zane e Parade di Satie in una nuova versione di Stefano Pierini), Daniele Pollini, Roland Boër/Alessandro Taverna, Huppert/Hoffman, Angius/Barenboim (più una prima assoluta di Ivan Fedele), Chan/Polverelli e infine la chiusura della 51° Stagione con Angius/Vendittelli insieme ad alcune prime parti dei Fiati dell’Orchestra.

Le iniziative che si intrecciano alla Stagione in corso, e a quella successiva, sono principalmente tre: il ciclo delle Lezioni di Suono al Liviano in coproduzione con l’Università di Padova che sarà ripreso dal compositore in residenza Ivan Fedele, quindi il nuovo Festival estivo che segue il successo del Ludwig Van e una nuova rassegna prevista in settembre dedicata alla musica sacra.

Circa le Lezioni di Fedele (29/3, 21/4 e 12/5), quest’anno si avvarranno di un’anteprima per le scuole dal titolo …Prima della lezione in cui gli studenti potranno incontrare il compositore, porre domande sui processi musicali, intervenire e interagire con gli artisti.

Ivan Fedele, attuale direttore della Biennale Musica di Venezia, è un compositore fra i più celebrati e affermati al mondo. Quest’anno sarà il nuovo compositore in residenza presso l’Orchestra di Padova e del Veneto succedendo a Salvatore Sciarrino; per questa occasione l’Orchestra gli ha commissionato i pannelli 3 e 4 di Lexikon III (Esattezza e Visibilità) che verranno eseguiti in prima mondiale il 16 marzo. Il contenuto delle Lezioni di suono si presenta anche quest’anno secondo la formula di una conferenza seguita dal relativo concerto per la durata di circa un’ora; ogni appuntamento prevede uno dei pannelli di Syntax abbinato a una sinfonia dei grandi classici cui Fedele si è idealmente ispirato: Haydn per il primo, Mozart e Beethoven per gli altri due.

Il secondo progetto riguarda il periodo estivo a Palazzo Zuckerman che quest’anno sarà dedicato a Johannes Brahms con l’integrale delle quattro Sinfonie nell’ambito del nuovo festival intitolato Le piace Brahms?

Si tratta di un invito al progressivo (secondo il celebre articolo di Schönberg) concentrato sulla figura di Brahms rispetto al suo passato e di come il nostro presente rilegge la sua opera (con brani di Berio e Rihm in prima italiana, oltre lo stesso Schönberg).

Il terzo percorso sarà incentrato sulla musica sacra e il misticismo, toccando alcuni luoghi di culto padovani e guardando al repertorio sacro oltre la consueta collocazione liturgica. Il titolo della rassegna sarà In principio e si svolgerà nel mese di settembre.

Accanto a queste iniziative continueranno gli incontri dei Family & Kids oltre ad attività didattica e divulgativa presso le scuole, le lezioni-concerto, le prove generali aperte a pubblico e studenti, gli appuntamenti all’Orto botanico che saranno estesi già dalla primavera prossima.

Tra i progetti speciali spicca l’integrale dei Concerti di Mozart con Sonig Tchackerian mentre l’attività discografica proseguirà con l’incisione di alcune opere del compositore veronese Franco Donatoni (1927-2000) grazie al rinnovato contributo Siae-Classici di Oggi per l’etichetta Stradivarius (il ciclo completo dei Puppenspiel da Heinrich von Kleist col flautista Mario Caroli) e la realizzazione di altri due progetti dedicati a Sciarrino: quello relativo alle Lezioni di suono con Mozart a 9 anni, Efebo con radio, la Suite da Luci mie traditrici e Sposalizio più un secondo cd intorno alle Canzoni del XX secolo. Tutto ciò in attesa della programmazione televisiva delle Lezioni di suono registrate la scorsa stagione presso la Sala dei giganti al Liviano.

L’attività dell’Orchestra si svolgerà anche fuori sede presso varie istituzioni come il Teatro di Pordenone (con un omaggio a Sciarrino e la musica americana del XX secolo insieme a Cristina Zavalloni) e in diversi festival italiani, sul territorio veneto e in Valpolicella, con produzioni liriche a Padova e nei teatri limitrofi, prima degli impegni autunnali e la ripresa della stagione concertistica con un fondamentale omaggio a Karlheinz Stockhausen per i dieci anni dalla scomparsa (in coproduzione con Teatro Verdi).

Info: www.opvorchestra.it, tel. 049 656848