“Night songs” ninne nanne da tutto il mondo per i bimbi di Cinemamme

banner cs night

giovedì 31 marzo 2016, ore 10.00
Cinema Porto Astra, Padova

OPV Families&Kids: “Night Songs”
In collaborazione con La città delle mamme nell’ambito di “Cinemamme 2015/2016”

Marina Bartoli Compostella Soprano
Caterina Centofante Direttore
Daniela Terranova, Night Songs

Biglietto unico 5€, in vendita esclusivamente il giorno del concerto a partire da 30 minuti prima dell’inizio
Info: www.opvorchestra.it

“Night songs” ninne nanne da tutto il mondo per i bimbi di Cinemamme

Giovedì 31 marzo alle 10.00 al PortoAstra di Padova “OPV Families&Kids” incrocia nuovamente “Cinemamme” con “Night songs”, ninne nanne popolari per voce femminile, arpa e orchestra d’archi rielaborate dalla compositrice friulana Daniela Terranova. Sul palco l’Orchestra di Padova e del Veneto diretta da Caterina Centofante e il soprano Marina Bartoli Compostella.

Marina Bartoli Compostella

Marina Bartoli Compostella

Un ciclo di miniature notturne per voce femminile, arpa e orchestra d’archi, concepito per reinventare ritmicamente e armonicamente, un repertorio tradizionale di ninne nanne appartenenti a differenti culture. Questo è “Night songs”, un lavoro nuovo, commissionato dall’Orchestra di Padova e del Veneto per il pubblico dei piccolissimi e delle mamme in attesa, che verrà presentato giovedì 31 marzo alle 10.00 al PortoAstra di Padova nell’ambito degli appuntamenti della rassegna “Cinemamme. Il piacere del Cinema con il bebè” promossa dall’Associazione Città delle Mamme.

L’Orchestra di Padova e del Veneto diretta da Caterina Centofante e il soprano Marina Bartoli Compostella eseguiranno sette ninnenanne tradizionali provenienti da diversi Paesi del mondo – Francia, Norvegia, Inghilterra, Adygea, Catalogna, Estonia e Israele-  rielaborate dalla compositrice friulana Daniela Terranova, che ne ha approntato una partitura per soprano, archi e arpa.

Un lavoro di riscrittura che, spiega Daniela Terranova, pur rispettando la linea melodica e i testi delle composizioni originarie «lascia margini di libertà più ampi alla presenza strumentale, che, pur sottolineando le radici espressive della cultura di provenienza, scava una distanza straniante attraverso la libera lettura del materiale armonico e l’invenzione delle soluzioni timbriche.   Attraverso il canto si disegna una geografia eterogenea e vivace dell’universo musicale infantile e i suoni diventano strumenti propiziatori, capaci di compiere l’incantesimo del sonno».

Biglietto unico 5€, in vendita esclusivamente il giorno del concerto a partire da 30 minuti prima dell’inizio.

“Cinemamme. Il piacere del Cinema con il bebè” è un’iniziativa promossa dall’ Associazione Città delle Mamme, in armonia con gli obiettivi dei progetti per la genitorialità dell’Unesco e Oms. La rassegna, che gode del patrocinio del Comune di Padova, Azienda ULSS n. 16, AGIS delle Tre Venezie e Nati per Leggere, è organizzata in collaborazione con Tote Adv, Il Mulino a Vento, Cinema Porto Astra, Remedia Internet Emotion Provider e con il supporto di Chicco – dove c’è un bambino e Lehning omeopatia.

Info: www.opvorchestra.it

PROFILI

Marina Bartoli Compostella. Marina Bartoli è nata a Mantova ed è cresciuta ad Imperia. Dopo gli studi di pianoforte ed il diploma in canto al Conservatorio “C.Pollini” di Padova, si è perfezionata presso la “Schola Cantorum” di Basilea e la “Hochschule für Musik” di Zurigo. Successivamente ha preso parte ad una Masterclass tenuta da Mariella Devia a Verona ed ha studiato a Salisburgo con Barbara Bonney. Si è inoltre laureata in Lettere Moderne (110/110) all’Università di Padova, con una tesi Storico- musicale. Ha tenuto concerti in Europa (Italia, Germania, Svizzera, Irlanda, Turchia, Francia, Austria, Spagna) oltreché in Giappone, Israele e Canada ed è stata protagonista di diverse opere barocche in prestigiosi teatri tra cui “Caio Melisso” di Spoleto, “Opéra” di Nizza, “Rokokotheater” di Schwetzingen, “Teatro Olimpico” di Vicenza, “Grand Théatre” di Lussemburgo. Ha cantato sotto la direzione di celebri direttori (Gustav Leonhardt, Philippe Herreweghe, Claudio Scimone, Alan Curtis, Bob Van Asperen, Mario Brunello, Giovanni Sollima, Thomas Hengelbrock, Ingo Metzmacher, Stefano Montanari) e con vari gruppi ed orchestre specializzati nella musica antica (La Risonanza, Accademia Bizantina, La Venexiana, L’Arte dell’Arco, Il Complesso Barocco).
Ha inciso per Dynamic, Cpo, Glossa, Warner Chappell Music e Brilliant.

Caterina Centofante. Diplomata in pianoforte, composizione e direzione d’orchestra presso i conservatori di Trento (M. M. Giese) e di Milano (A. Solbiati, D. Agiman), si è perfezionata in direzione d’orchestra presso l’Accademia Chigiana di Siena (L. Zagrosek) ottenendo il diploma di merito e borsa di studio, I pomeriggi Musicali di Milano (A. Ceccato), Musicarivafestival (I. Karabtchevsky), Florence Synfonietta (Bellugi), London Classical Soloists (A. Holub). Nel 2010 ha ricevuto una segnalazione di merito dal maestro L. Shambadal, direttore principale dei Berliner Symphoniker nella masterclass di alto perfezionamento sul repertorio beethoveniano.
Successivamente al diploma conseguito in Italia, si è perfezionata presso la Musikhochschule Stuttgart.  Ha debuttato come direttore d’orchestra nel 2002 con I Pomeriggi Musicali di Milano e in seguito ha tenuto concerti alla guida degli Stuttgarter Philharmoniker, Orchestra Regionale della Toscana, Orchestra Haydn di Trento e Bolzano, Orchestra Sinfonica di Matera, Accademia del Maggio Fiorentino, The London Classical Solists, Junge Philharmonie Salzburg, Florence Symphonietta, e diverse altre formazioni.  La sua attenzione per il repertorio contemporaneo fa sì che sia invitata regolarmente da diversi ensemble della Germania quali Thürmchen e gelberklang. È direttore e co-fondatore dell’ensemble cross.art di Stuttgart e di Blumine Ensemble di Bologna. Ha eseguito numerose prime esecuzioni assolute sia in Italia sia all’estero, in importanti istituzioni quali lo Staatstheater Köln e lo studio di musica elettronica di Basilea (Elektronische Studio Basel).
Presso la prestigiosa Musikhochschule Stuttgart ha diretto l’ensemble in residence del dipartimento di composizione (M. Stroppa e C.J. Walter) sino al 2011.  È stata maestro collaboratore in diversi enti nazionali e internazionali quali As.Li.Co di Milano, Teatro Sociale di Como, Fondazione Cantelli di Milano, Nuovo Teatro di Bolzano, Pergine Spettacolo Aperto, Staatstheater Stuttgart (Germania), Opera and Ballet Theatre Tbilisi (Georgia). Recentemente è stata direttore sostituto presso il Teatro Koreja di Lecce nella produzione di Katër i Radës – Il Naufragio, opera di A. Skurtaj commissionata dalla Biennale Venezia 2014. È stata assistente del maestro M. Angius nella produzione de Le risonanze erranti. Liederzyklus a Massimo Cacciari di L. Nono presso il festival Traiettorie 2014, e della Seconda Sinfonia di G. Mahler, per l’apertura della stagione 2015/2016 dell’Orchestra di Padova e del Veneto.