Leonora Armellini chiude la Stagione di concerti “Tra Europa e America” dell’Orchestra Sperimentale

Leonora_Logo

Venerdì 8 maggio 2015, ore 21.00
Auditorium C. Pollini, Padova

Leonora Armellini, pianoforte
Federico Marchionda, direttore d’orchestra
Orchestra Sperimentale

Musiche di L. van Beethoven, F. Schubert, F. Chopin, D. Shostakovich

Informazioni e prenotazioni:
e-mail: orchestrasperimentale@gmail.com;
cell: 3392938824

Leonora Armellini chiude la Stagione di concerti “Tra Europa e America” dell’Orchestra Sperimentale 

Comunicato stampa

Dopo il debutto al Teatro Mariinsky di San Pietroburgo, la giovane pianista padovana Leonora Armellini ritorna con un concerto nella sua città, venerdì 8 maggio 2015, ore 21.00 all’Auditorium Pollini per concludere la Stagione di concerti “Tra Europa e America” dell’Orchestra Sperimentale, iniziata a ottobre e realizzata con il contributo della Regione Veneto.

In programma musiche di Ludwig van Beethoven, Franz Schubert, Fryderyk Chopin, Dmitrij Shostakovich.Leonora_5

L’Orchestra Sperimentale è un’orchestra da camera interamente autogestita e composta da giovani, diplomati e non. Prende il suo nome dall’esperimento di voler creare una nuova realtà musicale a Padova, indipendente, versatile e di alto livello.

Il concerto di chiusura vedrà sul palco la giovane pianista Leonora Armellini e l’Orchestra Sperimentale, dirette dal M. Federico Marchionda, in un repertorio molto ampio che spazia dal classicismo al novecento.

Il concerto si apre, quasi un omaggio al nome della solista, con l’Ouverture Leonore n.3 op.72b di Ludwig van Beethoven (1770-1827), scritta per la seconda versione dell’ opera Fidelio, eseguita nel 1806 e pensata come sintesi poetica di tutto il Fidelio e che solo in riferimento all’opera trova la sua giusta luce e comprensione.

Si passa ad un’altra pagina per orchestra con la Sinfonia n. 8, in si minore, D. 759, comunemente nota come Incompiuta, di Franz Schubert (1797-1828), eseguita per la prima volta nel 1865, dopo la morte dell’autore, di cui, alla morte del compositore, avvenuta nel 1828, risultavano completati solo i primi due movimenti (Allegro moderato e Andante con moto), mentre del terzo movimento (Scherzo) rimane lo spartito per pianoforte quasi completo, ma con sole due pagine già orchestrate.

Leonora Armellini@Massimo PistoreAll’esecuzione della pianista Leonora Armellini sono affidati l’Allegro da Concerto op.46 di Fryderyk Chopin (1810-1849) in un arrangiamento per pianoforte e orchestra della stessa Armellini, ed il Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 op. 102 del compositore e pianiata sovietico Dmitrij Šostakovič (1906-1975), eseguito per la prima volta nel 1957, con l’Orchestra filarmonica dell’URSS e Maksim Šostakovič, dedicatario dell’opera, al pianoforte. Il concerto venne scritto da Šostakovič in occasione del diploma accademico di strumentista del figlio Maksim, ed in esso sembra augurare al proprio erede quanta più gioia possibile, ma anche esprimere il sollievo ritrovato dopo la morte di Stalin, avvenuta nel 1953.

Il concerto è a ingresso libero fino ad esaurimento posti con offerta libera che sarà devoluta a Legambiente Padova. E’ possibile prenotarsi tramite e-mail scrivendo all’indirizzo orchestrasperimentale@gmail.com oppure chiamando il numero 3392938824.

Curricula

LEONORA ARMELLINI, pianista
Leonora Armellini nasce a Padova nel 1992 e fin da giovane si dimostra una musicista di grande talento. Inizia a studiare all’età di 4 anni e a 8 anni  arriva in finale nella trasmissione Bravo Bravissimo di Mike Bongiorno (2000). A 12 anni si è diplomata in pianoforte con il massimo dei voti, lode e menzione d’onore. A 13 ha vinto il “Premio Venezia” e ha iniziato a dare concerti. Oggi ha 21 anni e nel frattempo non ha mai smesso di perfezionarsi, di frequentare masterclass, di spaziare i suoi orizzonti musicali e soprattutto riesce a fare appassionare i suoi coetanei  alla musica classica.  Nel febbraio 2013 ha conquistato l’Ariston, ospite da Fazio a Sanremo, proponendo  lo Studio Op. 10 n. 3 di Chopin di fronte a circa 155 milioni spettatori in mondovisione, in sostituzione dell’indisposto M. Daniel Barenboim. Da citare il suo impegno editoriale, a fianco di Matteo Rampin, nella stesura a 4 mani del libro di divulgazione musicale “Mozart era un figo, Bach ancora di più, edito da SALANI (2014), giunto in pochi mesi alla seconda edizione.

Federico Marchionda, direttore d’orchestra
Federico Marchionda, pianista e direttore d’orchestra, nato nel 1985, si avvicina alla musica classica verso i 15 anni. Diplomato nel 2011 in pianoforte si iscrive successivamente al biennio in pianoforte al conservatorio di Padova, diplomandosi nel 2013 con il massimo dei voti e la lode sotto la guida del maestro Letizia Giorgelè.
Consegue la laurea magistrale in Chimica con ottimi voti nel 2010.
Ha approfondito la pratica dell’accompagnamento al pianoforte, sia strumentistico che di cantanti, la musica da camera e la musica contemporanea ed elettronica.
Negli ultimi anni ha studiato da autodidatta direzione d’orchestra e composizione.

Orchestra Sperimentale
L’Orchestra Sperimentale è un’orchestra da camera interamente autogestita e composta da giovani, diplomati e non. Prende il suo nome dall’esperimento di voler creare una nuova realtà musicale a Padova, che fosse indipendente, versatile e di alto livello. Ponendosi l’obiettivo di portare cultura e qualità in ogni forma, la Sperimentale si è prestata a conferenze concerto nell’ambiente universitario e concerti nei più diversi ambienti, riscuotendo successo e approvazione ovunque si sia esibita. Nonostante la recentissima formazione dell’orchestra, che si trovò a provare per la prima volta ad aprile 2013, si è esibita in sale come la Sala dei Giganti, la Chiesa degli Eremitani a Padova e la Sala Filarmonica a Trento e vanta già numerose date e richieste. L’interesse dell’orchestra, sempre fedele al suo intento di sperimentare, si rivolge tanto ai grandi classici della musica, proposti con un nuovo sguardo, quanto a brani minori, trascrizioni e brani di nuova composizione, proponendosi di essere trasversale e di fare sostanzialmente buona musica. Il suo repertorio spazia dai compositori del settecento fino al novecento. È stata diretta dal Maestro Hans Michael Beuerle al termine di una masterclass del grande direttore di Friburgo dedicato alla Sinfonia n.7 “Incompiuta” di Schubert a Maggio 2014.
E’ diretta stabilmente da Federico Marchionda, laureatosi in biennio di Pianoforte con Letizia Giorgelè in magistrale in Chimica Industriale presso l’Università di Padova. Ha studiato Direzione d’orchestra con Ennio Nicotra ed è stato per l’autunno 2014 Lecturer di direzione d’orchestra presso la Metropolia University of Applied Science di Helsinki. Presidente dell’Associazione Orchestra Sperimentale è Alessandro Tommasi.

Tamburino
Venerdì 8 maggio 2015, ore 21.00
Auditorium C. Pollini, Padova

Programma
L. van Beethoven, Ouverture Leonore n.3 op.72b
F. Schubert, Sinfonia n.7 D759 “Incompiuta”
F. Chopin, Allegro da Concerto op.46 (arr. per pianoforte e orchestra di L. Armellini)
D. Shostakovich, Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 op. 102

Leonora Armellini, pianoforte
Federico Marchionda, direttore d’orchestra
Orchestra Sperimentale

Informazioni e prenotazioni: e-mail: orchestrasperimentale@gmail.com; cell: 3392938824