“I Solisti Veneti” festeggiano la Pasqua nel Duomo di San Lorenzo di ad Abano Terme

CONCERTI PER LA SANTA PASQUA
con il sostegno della Fondazione
Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo

 

Giovedì 6 aprile 2017 ore 21.00
Duomo di San Lorenzo, Abano Terme (Pd)

CONCERTO DI PASQUA
I Solisti Veneti
Claudio Scimone, direttore
Arianna Vendittelli, soprano
Musiche di A. Vivaldi, G.F. Haendel, B. De Marzi, J. S. Bach, N. Campogrande, W. A. Mozart

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti

Arianna Vendittelli

Con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, “I SOLISTI VENETI” diretti da Claudio SCIMONE festeggiano la Pasqua giovedì 6 aprile 2017 alle ore 21.00 ad Abano terme nel Duomo di San Lorenzo.

Il Duomo di San Lorenzo di Abano Terme ospiterà giovedì 6 aprile 2017 il concerto con cui i Solisti Veneti, diretti da Claudio Scimone, celebreranno l’imminente festività della Pasqua. Il concerto realizzato con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo vedrà protagonista, assieme alla celebre compagine musicale Arianna Vendittelli, uno dei soprani più interessanti della sua generazione. Nonostante la giovane età, ha già avuto modo di esibirsi in alcuni fra i più prestigiosi teatri al mondo, collaborando con direttori d’orchestra quali Cristopher Franklin, Alain Guingal, Gianandrea Noseda, Riccardo Muti.

La celebre orchestra padovana proporrà un ricco e variegato programma nel quale Arianna Vendittelli, soprano tra i più amati della scena italiana, interpreterà una scelta di straordinarie pagine vocali.

Dopo l’apertura nel nome di Johann Sebastian Bach (1685-1750) con il Concerto in re minore BWV 1060 per violino, oboe e archi, una delle più geniali pagine concertanti di questo compositore tedesco, universalmente considerato uno dei più grandi geni nella storia della musica, il programma proseguirà con la prima aria solista, Domine Deus, dal Gloria RV 589 di Antonio Vivaldi (1678- 1741) per soprano, oboe e archi interpretato dalla giovane cantante romana Arianna Vendittelli. Una pagina di squisita fattura dove all’intima ed ispirata melodia d’apertura intonata dall’oboe – Rosanna Calvi – risponde il soprano con una linea vocale delicata e fluida, centrale ma di grande difficoltà per la notevole presenza di frasi dall’ampio e morbido fraseggio, come sempre d’altronde nelle arie sacre di Vivaldi.

Dall’Oratorio The Messiah di Georg Friedrich Händel (1685–1759), verrà eseguita l’aria I know that my Redeemer liveth. Ancora di Johann Sebastian Bach dalla Cantata “Mein Herze schwimmt im Blut“ BWV 199 due arie di straordinaria intensità     Stumme Seufzer, stille Klagen  e Wie freudig ist mein Herz per soprano, oboe e archi.

In questo programma in cui i sommi maestri dell’età barocca sono tutti presenti, si ha uno sconfinamento nel repertorio mozartiano con il celebre Alleluja finale del mottetto Exsultate, jubilate, ritenuto il massimo esempio di composizione vocale e strumentale del giovane Wolfgang Amadeus Mozart (1756- 1791), all’epoca non ancora diciassettenne.

Il concerto si conclude anche con un’incursione nella nostra contemporaneità con due pagine di profondo respiro, dedicate entrambe ai Solisti Veneti: Resureziòn (2016) di Beppe De Marzi (Arzignano, 1935), un canto d’amore che manifesta nostalgia, dolore, coraggio, speranza e felicità, e, in anteprima assoluta, Divertimento per orchestra d’archi (2016) di Nicola Campogrande (Torino, 1969), considerato “uno dei compositori più interessanti della giovane generazione italiana”.

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti

Per informazioni
Fondazione
Cassa di Risparmio Padova e Rovigo
Tel. 345 7154654

Condividi