Al via con un duo organo-violino il 57esimo Ciclo dei Concerti di Maggio 2015 al Santuario della Madonna Pellegrina

logo cop

57esimo ciclo dei Concerti di Maggio 2015
organizzato dal Centro Organistico Padovano
Santuario della Madonna Pellegrina
8-15-22-28 maggio 2015

 

Venerdì 8 maggio, ore 21
Duo Organo-Violino 
Organo: Paola Chiarion
Violino: Elio Orio
Musiche di Vivaldi, Bach, Telemann, Bossi e Rheimberger

Venerdì 15 maggio, ore 21
Quartetto d’archi “Sonarie” e organo
Violino: Helga Ovale
Violino: Silvia Mangiarotti
Viola: Alyona Afonichkina
Violoncello: Cecilia Santo
Organo: Ivan Furlanis
Musiche di Haydn e Buxtehude

Venerdì 22 maggio, ore 21
Corale polifonica “Armonia mundi“

Direttore: Paolo Tietto
Organo: Gianni Brandalese
Musiche di Bruchner, Mozart, Faurè, Bellman e Bach

Giovedì 28 maggio, ore 21
Orchestra di Padova e del Veneto

Violino concertatore e solista: Federico Guglielmo
Organo: Roberto Loreggian
Musiche di Haendel, Haydn, Galuppi e Vivaldi

Ingresso Libero

Per informazioni:
Centro Organistico Padovano
Tel/Fax ++39 49 685716
www.madonnapellegrina.it
gfmorandin@alice.it

 

Al via con un duo organo-violino il 57esimo Ciclo dei Concerti di Maggio 2015 al Santuario della Madonna Pellegrina.

Venerdì 8 maggio, ore 21, ritorna l’appuntamento con il ciclo di concerti al Santuario della Madonna Pellegrina (via d’Acquapendente 60 – Padova)

Comunicato stampa

Al via da venerdì 8 maggio 2015, il 57esimo Ciclo di concerti di Maggio 2015 organizzato al Santuario della Madonna Pellegrina di Padova in via d’Acquapendente 60: quattro gli appuntamenti in programma, affidati a prestigiosi gruppi e solisti padovani e non solo. I concerti saranno ad ingresso gratuito e si terranno alle ore 21.00.

Paola Chiarion_organo

Paola Chiarion, organista

La rassegna è organizzata dal Centro Organistico Padovano con il patrocinio del Comune di Padova.

Il C.O.P. Centro Organistico Padovano con sede in Padova (via F. d’Acquapendente n.60) è un’associazione senza scopo di lucro che dal 1987 si prefigge di organizzare annualmente due cicli di concerti, ad ingresso libero, con l’intento di diffondere la musica classica, sacra e non.
Un’occasione per “dar voce” al grande organo del Santuario della Madonna Pellegrina, al quale si accompagnano orchestre, gruppi strumentali, cori e voci soliste. L’iscrizione al Centro è aperta a chiunque intenda appoggiare l’iniziativa come socio ordinario o sostenitore. Si effettua presso la segreteria del Santuario.

La rassegna si apre venerdì 8 maggio 2015, ore 21.00 con un duo organo-violino, formato da Paola Chiarion, organista a Rovigo presso il Duomo e il Tempio della Rotonda, e dal violinista Elio Orio, dal 2009 direttore del conservatorio Statale di Musica di Adria.

Il programma rappresenta un breve percorso attraverso le pagine più rappresentative scritte per il violino e l’organo.

Elio Orio, violinista

Elio Orio, violinista

Si inizia con la Sonata in do maggiore op. 2 n. 8 di Antonio Vivaldi (1678-1741), composta nel 1709, e dedicata al re Federico IV di Danimarca, che si articola nei tre tempi preludio, allemanda e giga. Ancora un omaggio al “Prete Rosso” dal suo contemporaneo Johann Sebastian Bach (1685-1750) con il Concerto in do maggiore da Vivaldi, pubblicato per la prima volta a Lipsia nel 1850, trascrizione per organo di un concerto per violino, archi e basso continuo di Vivaldi.

Si prosegue sull’onda del barocco con la Sonata in la minore di Georg Philipp Telemann (1681-1767), uno dei più apprezzati musicisti tedeschi dell’epoca, contemporaneo di Bach, cui lo legava una profonda amicizia.

Si passa a due autori che hanno legato la loro fama all’organo, con l’Entrata pontificale op. 104 per organo solo di Marco Enrico Bossi (1861-1925) e i 6 pezzi op. 150 di Joseph Gabriel Rheinberger (1839-1901).

Gli appuntamenti della rassegna proseguono venerdì 15 maggio, ore 21 con un concerto che vede accostarsi all’organo una formazione da camera più allargata rispetto al duo: il quartetto d’archi. Protagonisti il Quartetto d’archi “Sonarie”, formato da Helga Ovale e Silvia Mangiarotti al violino, Alyona Afonichkina alla viola, Cecilia Santo al violoncello, accompagnati da Ivan Furlanis all’organo. In programma musiche di Haydn e Buxtehude.

L’ingresso al concerto è libero e gratuito.

Per informazioni:
Centro Organistico Padovano
Tel/Fax ++39 49 685716
www.madonnapellegrina.it
gfmorandin@alice.it

Tamburino

Venerdì 8 maggio, ore 21
Santuario della Madonna Pellegrina

via d’Acquapendente 60, Padova

Duo Organo-Violino 
Organo: Paola Chiarion
Violino Elio Orio

Musiche di Vivaldi, Bach, Telemann, Bossi e Rheimberger

Programma

Antonio Vivaldi (1678-1741)                                 Sonata in do maggiore op. 2 n. 8

Johann Sebastian Bach (1685-1750)                  Concerto in do maggiore da Vivaldi

Georg Philipp Telemann (1681-1767)                Sonata in la minore

Marco Enrico Bossi (1861-1925)                         Entrata pontificale op. 104 per organo solo

Joseph Gabriel Rheinberger (1839-1901)         6 pezzi op. 150

Curricula

Paola Chiarion, organo
Paola Chiarion, ha studiato al Conservatorio di Venezia, e ha conseguito la laurea in discipline musicali, perfezionandosi poi a Parigi, all’Accademia di Imola e Pescara con nomi prestigiosi come: Scala, Lonquich, Demus, Masi, Fiorentino, Lohann, Tagliavini, Innig. Ha suonato per il bicentenario mozartiano a Vienna e Salisburgo. E’ vincitrice di numerosi premi,svolge attività concertistica come pianista e organista in Italia e all’estero.

Elio Orio, violino
Elio Orio è docente di ruolo di Musica da Camera presso il Conservatorio Statale di Musica di Adria, ha iniziato gli studi musicali presso il Civico Istituto di Musica di Asti, dove è stato anche titolare della cattedra di violino per quasi 20 anni. on ancora diplomato iniziava a collaborare con alcune tra le più importanti Orchestre Nazionali, (RAI di Torino, Teatro Regio di Torino, Teatro Carlo Felice di Genova, Teatro dell’Opera di Roma, ed altre). E’ fondatore del Quartetto Athenaeum con il quale ha vinto ed è stato premiato in vari Concorsi, ha suonato in Quartetto con Bruno Canino e con Pier Narciso Masi, tra i più importanti pianisti italiani. Si è inoltre spesso esibito come solista ed è stato prima parte in varie orchestre italiane. All’estero si è esibito in Svizzera, Francia, Germania, Austria, Spagna, Slovacchia, Finlandia e Cipro. E’ fondatore dell’Ensemble Cameristico Astigiano, e promotore di una Orchestra Sinfonica Astigiana che ha esordito presso il Teatro Alfieri di Asti nella stagione comunale sotto la sua stessa direzione.
Da novembre 2009 è Direttore del Conservatorio “Buzzolla” di Adria.